Home Attualità Riscaldamento globale, andiamo verso il clima di 3 milioni di anni fa

Riscaldamento globale, andiamo verso il clima di 3 milioni di anni fa

Riscaldamento globale. O si mettono in atto misure senza precedenti, o “ci si avvia verso un clima mai sperimentato prima dall’uomo, con le stesse condizioni vissute dal pianeta 3 milioni di anni fa”.

È l’avvertimento lanciato dal presidente della Società meteorologica italiana, Luca Mercalli, in occasione della presentazione della mostra ‘Capire il cambiamento climatico’ al Museo di storia naturale di Milano.

“Viviamo in un momento cruciale della storia dell’umanità, l’Antropocene – afferma – in cui la presa di coscienza delle popolazioni, la posizione dei governi, la rivoluzione delle energie rinnovabili e la scelta di consumi più moderati sono l’unica possibilità di invertire la marcia”.

Clima, Greta Thunberg pubblica vademecum manifestante in vista dello sciopero globale del 15 marzo

Il primo problema, secondo Mercalli, è prendere consapevolezza della situazione, cosa che molti non fanno, pensando si tratti di un’eventualità futura.

“Il riscaldamento globale è già in atto – prosegue – la temperatura della Terra è aumentata di oltre un grado nell’ultimo secolo, il 2018 è stato il quarto anno più caldo della storia a livello globale e il primo anno più caldo in Italia, Francia e Svizzera”.

Ma non solo. La superficie terrestre coperta dai ghiacci perenni cala di circa 400 miliardi di tonnellate ogni anno e il livello del mare aumenta di 3,4 millimetri all’anno.

“Ci saranno eventi sempre più estremi, con maggiore siccità, e l’aumento del livello dei mari per la fusione dei grandi ghiacciai cambierà la geografia – rileva Mercalli – in Italia per esempio perderemo tutta la fascia costiera tra la Romagna e le Marche, così come sarà sommerso il Bangladesh”.

Cambiamenti climatici, Ue pensa a tassa su trasporto aereo applicabile al carburante o ai biglietti

Tutto ciò causerà migrazioni gigantesche, ben superiori a quelle attuali, secondo l’esperto. Se non si fa nulla ora per contenere l’aumento della temperatura entro 2° a fine secolo, il riscaldamento potrà oltrepassare i 5°C, con conseguenze gravissime.

“La Terra non morirà – conclude – ma cambierà. Potrebbero scomparire le condizioni ottimali per la vita umana. Bisogna cambiare il modello economico, passando da una crescita infinita insostenibile per il pianeta ad un’economia circolare“.

Articolo precedenteTrivelle, per Greenpeace il decreto del Ministro Sergio Costa “serve a poco”
Articolo successivoValle del Sacco, Costa e Zingaretti firmano l’accordo per la bonifica