Si chiama Risacca ed è un interessante progetto italiano: borse e zaini per il mare (ma non solo) ricavate dalle reti non più utilizzabili per la pesca. Da Mazara del Vallo arriva un’iniziativa eco-friendly che potrebbe fare scuola in giro per il mondo.

Borse e zaini per il mare (ma non solo), ricavate dalle reti non più utilizzabili per la pesca. Da Mazara del Vallo arriva un progetto eco-friendly, che potrebbe fare scuola in tutto il mondo. Il progetto Risacca ha vinto la selezione del Green Impact Med, nato dalla collaborazione tra i pescatori locali, l’innovatore sociale e imprenditore Carlo Roccafiorita e due esperti di design e fabbricazione digitale, Federica Ditta e Cristiano Pesca.

Il progetto ha mosso i primi passi nel novembre 2020. A raccontare la sua genesi è Carlo Roccafiorita: “Abbiamo percepito da subito una sensibilità dei pescatori sull’urgenza di salvaguardare il mare, ci hanno fatto presenti le complessità burocratiche del mercato ittico sulla gestione dei rifiuti e le preoccupazioni sui mari sempre più inquinati“. A quel punto, nel dicembre dell’anno scorso, il progetto ha partecipato al concorso europeo lanciato dalla Fondazione di Comunità di Messina.

Per realizzare i primi prodotti targati Risacca, da ottobre partirà una campagna di equity crowdfunding. La prima linea di prodotti includerà borse resistenti, leggere, versatili e pieghevoli, tutte realizzate con l’antica tecnica di riparazione delle reti nota come ‘sarcitura’. Borse e zaini potranno essere utilizzate per il mare, ma anche per la montagna e per la città. Un modo geniale per provare ad affrontare lo smaltimento delle reti in disuso, un serio problema in tutto il mondo ma soprattutto a Mazara del Vallo, uno dei centri ittici più importanti d’Italia, che produce ogni anno 10 tonnellate di scarti di materiale per la pesca.

Plastica, da Hong Kong arriva “Invisible Bag” la borsa che si scioglie in acqua

Nel mondo, il problema dei rifiuti causati dalla pesca è enorme: ogni anno, nel nostro pianeta, ogni anno vengono abbandonate tra le 500mila e il milione di tonnellate di reti fantasma in mare. Le reti fantasma costituiscono all’incirca il 10% dei rifiuti marini e impiegano almeno 600 anni per deteriorarsi, per poi diventare microplastiche ancora più letali per gli ecosistemi marini. Una stima del 2018 prevede fino a 650mila animali marini uccisi ogni anno dalle reti fantasma.

Articolo precedenteL’orso polare protagonista delle nuove monete speciali della Zecca di Stato
Articolo successivoCina, la marcia verde per le emissioni zero: una foresta estesa come il Belgio