AttualitàEconomia

RipartiAmo Ambiente. Efficienza, rinnovabili e rigenerazione urbana: energie per la ripresa

Condividi

Terzo appuntamento del ciclo di incontri “RipartiAmo Ambiente” promosso dai parlamentari del M5S della Commissione Ambiente. L’evento on line dal titolo “efficienza, rinnovabili e rigenerazione urbana: energie per la ripresa”.

È stato moderato da Andrea Di Stefano, Direttore di “valori.it” ed ha visto la partecipazione di:

  • Gabriele Buia – Presidente ANCE
  • Giorgio Merletti – Presidente Confartigianato
  • Daniele Vaccarino – Presidente CNA
  • Alberto Montanini – Presidente Assotermica Confindustria e Vicepresidente Anima-Confindustria
  • Patrizia Terzoni – Vicepresidente della commissione Ambiente, Movimento 5 Stelle Camera
  • Luca Sut – Commissione Attività Produttive, Movimento 5 Stelle Camera

Al centro dell’incontro, le nuove misure dell’ecobonus e sisma bonus fino al 110% nel Decreto Rilancio.

“Un momento molto importante – ha detto Luca Sut, deputato del M5S membro della Commissione Attività Produttive – in cui abbiamo parlato di questo importante novità introdotta dal Decreto Rilancio, cioè il superbonus al 110%. Un momento molto importante e costruttivo perché abbiamo discusso degli aspetti positivi che ha questa nuovo provvedimento che è stato messo in atto dal Governo ma anche su dove possiamo andare ad agire per migliorare ancora questo strumento che è assolutamente necessario per rendere i nostri edifici più sicuri per quanto riguarda sismabonus e più efficienti per quanto riguarda l’ecobonus”.

Dl Rilancio, sul sito del Ministero dell’Ambiente le Faq sul bonus bici

“Una normativa apprezzata dai presidenti dell’associazione che sono intervenute durante il convegno on-line  – ha aggiunto l’On. Patrizia Terzonie che prevede anche delle grandi novità per quanto riguarda anche i cittadini, perché questi si ritroveranno a poter effettuare questi interventi a costo zero, proprio attraverso un meccanismo di cessione del credito alle aziende o alle banche”.

L’incremento dell’ecobonus e del sismabonus fino al 110% previsti nel Decreto Rilancio è una conquista per il MoVimento 5 Stelle.

Già nel 2013 grazie ad una nostra risoluzione approvata in commissione Ambiente alla Camera, abbiamo ottenuto un primo risultato importante, con l’aumento della detrazione dell’ecobonus fino al 65%.

Come MoVimento 5 Stelle, abbiamo sempre lottato per incrementare le aliquote e introdurre meccanismi virtuosi per migliorare l’efficacia delle misure, rendendole più eque possibili.

In Parlamento il testo del decreto Rilancio potrebbe essere ulteriormente migliorato con nuove proposte.

“Come MoVimento 5 Stelle – ha aggiunto Terzoni – vorremmo anche apportare ulteriori modifiche all’interno del decreto come appunto l’estensione alle seconde case oppure prevedere dei meccanismi che premieranno ad esempio l’applicazione del sisma bonus per rendere ancora più sicure le nostre case”.

“Il MoVimento 5 stelle – ha concluso Vicepresidente della commissione Ambiente – vuole continuare a lavorare su questo aspetto perché sappiamo che la migliore arma per fare lo stop al consumo di suolo e rendere più sicure ed efficienti le nostre case è proprio quello di incentivare questi lavori del recupero edilizio e quindi recupero dell’edificato esistente. Se non riusciremo in questo Decreto Rilancio, comunque continueremo a provarci anche per i prossimi decreti oppure in prospettiva della Legge di Bilancio”.

Dl Rilancio, dal bonus bici al superbonus. Tutte le novità ‘green’

Il programma degli altri incontri:

  • 1 giugno ‘Mare e territorio costiero: ricchezza da proteggere e valorizzare’;
  • 8 giugno ‘Infrastrutture idriche: combattere la siccita’ e garantire a tutti la risorsa acqua’;
  • 15 giugno ‘Biodiversita’ e aree protette: il nostro serbatoio di futuro’;
  • 22 giugno ‘Efficienza, rinnovabili e rigenerazione urbana: energie per la ripresa’.
(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago