Attualità

RINOCERONTE BIANCO SETTENTRIONALE, MORTO L’ULTIMO ESEMPLARE MASCHIO

Condividi

Rinoceronte. Sudan era l’ultimo esemplare maschio al mondo di rinoceronte bianco settentrionale.  Aveva 45 anni ed era malato da tempo.  Gli operatori del Ol Pejeta Conservancy, in Kenya, hanno dovuto prendere la decisione più difficile, quella di sopprimerlo.

Da giorni le condizioni di Sudan si erano particolarmente aggravate a causa di una infezione sulla schiena e sulla gamba destra.  Ed alla fine sono stati gli operatori del Ol Pejeta Conservancy, in Kenya, a prendere la difficile decisione di sopprimerlo. Della sua sottospecie rimangono solo le due femmine Najin e Fatu. Loro due, insieme a Sudan e a un altro maschio già morto in passato, era arrivati nel centro di in Kenya da uno zoo ceco nel 2009.

Nel 1960 c’erano oltre duemila esemplari di questa sottospecie, ridotta a 15 nel 1984 a causa della perdita di habitat e del bracconaggio. I rinoceronti bianchi sono una delle cinque specie esistenti di rinoceronte e sono suddivisi in due sottospecie, i meridionali e i settentrionali. I settentrionali sono quelli più piccoli, con dorso dritto, crani piatti, orecchie e code pelose e corni frontali tozzi.

Campioni di sperma dell’animale sono stati conservati nella speranza di inseminare artificialmente con successo uno dei due rinoceronti femmina rimasti per cercare di salvare la specie dall’estinzione.

 

(Visited 229 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago