Rinnovabili, cala la produzione e rallentano gli investimenti

Rinnovabili. Per la prima volta, dopo 12 anni, cala in Italia la produzione di energia da fonti rinnovabili.

A scendere, sono in particolare, solare, eolico e bioenergie.

Lentissimi anche gli investimenti nel settore.

È quanto rileva il Rapporto ‘Comuni rinnovabili 2019‘ di Legambiente, presentato oggi a Roma.

 

Con quasi un milione di impianti tra elettrici e termici installati in tutti i comuni italiani, la nostra penisola si conferma tra le nazioni più avanti nel mondo e con le maggiori opportunità su questo fronte.

Rinnovabili, presentati a EnergyMed i pannelli fotovoltaici super resistenti agli agenti atmosferici

Grazie a questo mix di impianti distribuiti su tutto il territorio, ben 3.063 comuni sono diventati autosufficienti per i fabbisogni elettrici, 50 per quelli termini mentre 41 sono le realtà rinnovabili al 100%.

In dieci anni la produzione da rinnovabili è cresciuta di oltre 50 TWh mettendo in crisi il modello fondato sulle fossili, con un contributo delle rinnovabili che è passato dal 15 al 35,1% rispetto ai consumi elettrici e dal 7 al 18% in quelli complessivi.

Ancora tanto c’è da fare.

Rinnovabili, a Villasimius in Sardegna la prima pista ciclo-pedonale con pannelli solari

“Molto di più  – evidenzia il rapporto – dovremo fare per stare dentro l’Accordo di Parigi sul clima” fra i cui obiettivi c’è la riduzione del 55% delle emissioni di gas serra al 2030.

Obiettivi che non solo sono raggiungibili, ma porterebbero benefici pari a 5,5 miliardi di euro all’anno e alla creazione di 2,7 milioni di posti di lavoro (secondo una ricerca realizzata da Elemens per Legambiente).

Cambiamenti climatici, la grandine a maggio distrugge 60% delle ciliegie

«Non possiamo più aspettare: lo sviluppo delle rinnovabili in Italia è praticamente fermo e non ha alcun senso rinviare una scelta che può fermare la febbre del pianeta ed è nell’interesse dei cittadini, delle imprese – dichiara Edoardo Zanchini vicepresidente di Legambiente –. L’Europa ha definito principi e regole per le comunità energetiche e i prosumer (produttori-consumatori) di energia da fonti rinnovabili, grazie alle quali saranno smontate le assurde barriere che oggi impediscono di scambiare energia pulita nei condomini o in un distretto produttivo e in un territorio agricolo. In più si aprirebbero le porte a investimenti innovativi che tengono assieme fonti rinnovabili, efficienza energetica, sistemi di accumulo e mobilità elettrica. La sfida è dunque di entrare al più presto nel merito delle scelte concrete da compiere e che Governo e Parlamento si impegnino a recepire entro il 2019 la direttiva europea».

Il Report in numeri:

Nel 2018 le installazioni da rinnovabili hanno continuato con ritmi lentissimi, in continuità con gli ultimi cinque anni (una media di 502MW all’anno per il solare e di 342 per l’eolico), assolutamente inadeguati perfino a raggiungere i già limitati obiettivi al 2030 della Strategia energetica nazionale e del nuovo Piano Energia e Clima.

I risultati positivi raggiunti negli ultimi dieci anni dal nostro Paese sono stati possibili proprio grazie agli oltre 822mila impianti fotovoltaici distribuiti in quasi tutti i comuni italiani, a oltre 17mila tra idroelettrici (3.430), eolici (4618), da biogas e biomasse (2753), geotermici ad alta e bassa entalpia (7164), i 4,36 milioni di metri quadri di impianti di solari termici e gli oltre 66mila impianti a bioenergie termici.

Clima, tassare il cherosene per gli aerei per ridurre dell’8% le emissioni dell’aviazione

Se si guarda il totale dell’installato in Italia, la tecnologia in maggiore crescita è il fotovoltaico che ha raggiunto i 20,1 GW, mentre quella con la maggior potenza complessiva è ancora l’idroelettrico dove si sono aggiunti 1,5 GW di mini agli impianti “storici”.

A livello regionale è, invece, la Lombardia quella con il maggior numero di impianti da fonte rinnovabile in Italia (8.850 MW installati), grazie soprattutto all’eredità dell’idroelettrico del secolo scorso.

Mentre è la Puglia la regione in cui vi sono le maggiori installazioni delle “nuove” rinnovabili, ossia solare e eolico (5.213 MW su 5.532 MW totali).

 

(Visited 78 times, 1 visits today)

Leggi anche

Call Now ButtonDiventa Green!