TG AmbienteVideo

Cresce l’attrattività dell’Italia per le rinnovabili – Tg Ambiente

Condividi

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con ItalPress: 1) Allarme Climate Central: “le città costiere saranno sommerse entro il 2100”; 2) Il gruppo Sella azzera l’impatto delle emissioni di CO2; 3) Cresce l’attrattività dell’Italia per le rinnovabili; 4) “IllusiOcean”, a Milano-Bicocca una mostra dedicata al mare

In questo numero del Tg Ambiente, realizzato in collaborazione con ItalPress:

1) Allarme Climate Central: “le città costiere saranno sommerse entro il 2100”:Con le attuali emissioni, le principali città costiere del mondo potrebbero essere sommerse dall’acqua entro il 2100“. È l’allarme lanciato dalla ong Climate Central. Se il trend attuale di emissioni restasse inalterato, ben prima del prossimo secolo le temperature globali potrebbero salire di almeno 3°C e questo comporterebbe un ennesimo scioglimento dei ghiacciai ed un innalzamento del livello del mare che potrebbe essere fatale per tutte le città situate sulle coste. Nel video pubblicato sui suoi canali social, la Ong mostra una ricostruzione grafica di quello che potrebbe accadere nei prossimi decenni. Città come come Singapore, Houston, Glasgow, Hong Kong, Rio de Janeiro, New York, Venezia, e Sydney potrebbero rimanere sommerse. Non si tratta di un allarme catastrofista, ma di una ricostruzione basata sui dati di vari studi condotti dai ricercatori dell’Università di Princeton e dell’Istituto di ricerca sul clima di Potsdam.

Clima, l’allarme di Climate Central sulle città costiere: “Potrebbero essere sommerse entro il 2100”

2) Il gruppo Sella azzera l’impatto delle emissioni di CO2: Il Gruppo Sella azzera l’impatto delle emissioni di CO2 in anticipo rispetto al piano fissato per il 2024. Un obiettivo raggiunto grazie ad iniziative sostenibili dedicate alla riduzione dell’impronta carbonica, attuate negli ultimi anni, e a un piano di ulteriore mitigazione delle emissioni. Ma anche con l’adesione al progetto ‘Impatto Zero’ di Lifegate, per ridurre in modo significativo l’impatto ambientale delle società del gruppo e a compensare le emissioni residue. Il progetto sostiene iniziative certificate a livello internazionale per l’assorbimento della CO2, di tutela ambientale, di promozione dell’economia circolare e di supporto alle comunità locali. Sella è così tra i primi gruppi in Italia, nel settore bancario e finanziario, a raggiungere Carbon neutrality. Il percorso per arrivare a tale risultato è partito da un’analisi approfondita delle emissioni di CO2, calcolate sulla base di quelle prodotte dal gruppo nel 2019, prima quindi, che l’emergenza sanitaria legata al Covid imponesse un ripensamento delle modalità di lavoro. Tale misurazione ha quantificato in circa 13000 tonnellate di CO2 equivalenti la produzione annuale del Gruppo Sella in Italia e all’estero.

Inquinamento, le consegne di Amazon e Ikea saranno a impatto zero

3) Cresce l’attrattività dell’Italia per le rinnovabili: Continua a crescere l’attrattività dell’Italia per le energie rinnovabili. Rispetto allo scorso maggio, il nostro Paese guadagna due posizioni, salendo dal 15º al 13º posto nella classifica globale EY. Secondo l’Indice di attrattività del Paese per le energie rinnovabili EY, l’Italia continua ad essere sempre più attrattiva per investimenti e opportunità di sviluppo nel settore. Nell’ambito delle rinnovabili, l’idrogeno verde rappresenta una leva fondamentale per contribuire a soddisfare gli ambiziosi obiettivi sostenibili di zero emissioni. Secondo le stime EY, per la produzione di idrogeno nel mondo si raggiungerà circa 140 GW di capacità installata entro il 2030.

Inquinamento, i file segreti che incastrano governi e lobby dei fossili

4) “IllusiOcean”, a Milano-Bicocca una mostra dedicata al mare: La suggestiva biodiversità del mare, i segreti del suo ecosistema attraverso il linguaggio delle illusioni. Fino al 31 gennaio 2022, l’Università di Milano-Bicocca ospita ‘IllusiOcean’. La mostra è stata ideata da Paolo Galli, docente di ecologia dell’Ateneo, e realizzata in collaborazione con Mondadori media ed Museo Nazionale del Cinema di Torino.

 

 

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago