Breaking News

Rinnovabili. Al Caab di Bologna il più grande impianto fotovoltaico d’Italia

Condividi

Rinnovabili. Sarà un impianto fotovoltaico della potenza di 450 kWp a guidare il Centro Agroalimentare di Bologna verso il 100% di energia solare e  a km zero.

L’impianto che verrà installato sul tetto della Nuova Area Mercatale del mercato ortofrutticolo di Bologna, sarà abbinato a un sistema di accumulo di taglia industriale da 50 kWp – 210 kWh che permetterà alla struttura di auto-consumare circa l’80% del proprio fabbisogno annuo e di garantire una produzione annua di energia elettrica di circa 520mila kWh, capaci di soddisfare il consumo medio di 200 famiglie.

Si tratta dell’impianto fotovoltaico con sistema di accumulo energetico per autoconsumo più grande d’Italia.

Grazie al Progetto CAAB 3, che giunge a compimento con l’installazione dell’impianto sul tetto, il CAAB (Centro Agroalimentare di Bologna) si conferma così leader per la sostenibilità energetica.

L’impianto, progettato da Rea srl ed eseguito da Kineo Energy e Facility Srl, si affiancherà a Caab 1, l’impianto realizzato in partnership con Unendo Energia, che già vanta il primato di impianto fotovoltaico su tetto più grande d’Europa, con i suoi oltre 100mila metri quadrati di superficie.

La distesa, è in attesa della connessione alla rete elettrica, prevista entro il prossimo 15 marzo, seguirà il collaudo, in programma entro la fine del mese di marzo.

Il nuovo tetto, finanziato con 437mila euro del Fondo Energia della Regione Emilia-Romagna, sarà inoltre il primo in Italia in grado di risultare economicamente sostenibile anche senza incentivi: l’energia prodotta in eccedenza verrà usata per alimentare due colonnine di ricarica per veicoli elettrici nell’area parcheggio.

 

(Visited 100 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago