Parte oggi, fino al 5 novembre prossimo, la prima edizione della settimana nazionale di RiGenerazione Scuola, il Piano per la transizione ecologica e culturale delle scuole, indetto dal Ministero dell’Istruzione.

Riciclo, sostenibilità, rispetto dell’ambiente e riuso, sono le parole chiave.

Tante le iniziative che si terranno nelle scuole di tutta Italia: laboratori, dibattiti e tante altre iniziative.

Il piano – si legge sul sito ufficiale dell’iniziativa – mira a rigenerare la funzione educativa della scuola per ricostruire il legame fra le diverse generazioni, per insegnare che lo sviluppo è sostenibile se risponde ai bisogni delle generazioni presenti e non compromette quelle future, per imparare ad abitare il mondo in modo nuovo. La scuola crea, così, non solo il nuovo alfabeto ecologico ma si trasforma in luogo nel quale si azzerano i conflitti tra le generazioni e si impara a crescere in modo sostenibile“.

Cop26, la promessa di Bezos: 2 miliardi di dollari per l’ambiente

Vediamo insieme alcune attività:

  • Tutte le classi prime del liceo Pascasino di Marsala saranno impegnate in una ricreazione prolungata all’aperto. Le ragazze e i ragazzi, accomapgnati dai loro docenti, si recheranno al Parco della Salinella e a Villa Cavallotti, due aree verdi della città, dove consumeranno le loro merende green e poi si occuperanno di ripulire il sito dai rifiuti presenti e pianteranno un germoglio, simbolo di rinascita e cura dell’ambiente.
  • Gli alunni Liceo Sabin di Bologna saranno impegnati nella misurazione della qualità dell’aria, nella raccolta del RAEE, il progetto orto, il progetto efficienza energetica dell’edificio, il progetto biodiversità e flora urbana.
  • Al San Filippo del Mela, Sicilia, è stato attivato il progetto dal titolo “Orto Amico”: i ragazzi si occuperanno della lavorazione del terreno, della messa a dimora delle piantine, della scerbatura, della sarchiatura.
  • L’Istituto Comprensivo di Mortara (Pavia) ha realizzato, tra le attività in programma, progetti dal titolo “CuriAMO il nostro giardino”, “Non c’è più acqua da perdere”, “RiciliAMO e creiAMO”.

Clima, senza interventi estremi le temperature estive diventeranno insopportabili

  • Gli alunni delle classi terze della scuola primaria Olivelli parteciperanno alla Campagna per il riciclo dei cellulari. Saranno poi gli alunni a divulgare presso i compagni e le famiglie il punto di raccolta dei cellulari dismessi.
  • Presso il 21° Circolo Didattico Mameli- Zuppetta di Napoli, infine, il progetto dal titolo “Ti gusta la risulta?”: partire dal mese di novembre 2021 si articolerà attraverso indagini che gli alunni effettueranno sui processi mediante i quali, specifici vegetali, dalle colture, arrivano fino alle nostre tavole, e si ricercheranno tutte le eventuali conseguenze sull’ambiente naturale. Con l’aiuto di un familiare, gli alunni passeranno alla realizzazione del piatto descritto dalla ricetta, documentandone il procedimento e il prodotto finale. I documenti verranno raccolti in un libricino di ricette antispreco che ogni bambino donerà ai genitori come strenna natalizia.
Articolo precedenteCop26, la promessa di Bezos: 2 miliardi di dollari per l’ambiente
Articolo successivoCop26, l’assordante silenzio sugli oceani