Difendere gli istituti di credito territoriale come le banche di credito cooperativo è l’obiettivo del disegno di legge depositato in Parlamento dal vicepresidente designato del M5S, il senatore Mario Turco. Tutelare le piccole banche del territorio per tutelare le PMI.

“Nell’ambito di questo progetto di riforma andiamo ad arricchire il panorama italiana con un nuovo modello organizzativo che non riduce le garanzie per il sistema finanziario europeo, italiano in particolar modo, ma anzi lo rafforza con riferimento alle caratteristiche essenziali delle banche di credito cooperative. L’obiettivo è quello di semplificare la regolamentazione amministrativa delle banche di credito cooperative – dichiara Mario Turco, Senatore e Vicepresidente del M5S a TeleAmbiente.

Transizione ecologica per le imprese, l’assessora Lombardi: “Ecco le misure del Lazio, basate su tre pilastri”

“Oggi il loro inserimento nell’ambito del gruppo bancario le costringere ad essere significant per l’intero sistema finanziario e grava sui costi amministrativi. Con questa riforma diamo una possibilità in più alla banche di credito cooperativo per essere inquadrate in un sistema semplificato di garanzie e controlli senza però ridurre la salvaguardia della solvibilità e della liquidità per il sistema bancario. Non dobbiamo copiare modelli che non fanno parte della nostra tradizione. Le criticità ci sono e diamo una possibilità in più senza distruggere quello che dal 2016 si è costruito ma organizzarsi al meglio per la crescita delle nostre banche ed imprese”. Intervista a Mario Turco, Senatore e Vicepresidente del M5S”.

Articolo precedenteTransizione ecologica per le imprese, l’assessora Lombardi: “Ecco le misure del Lazio, basate su tre pilastri”
Articolo successivoObiettivo sostenibilità scuole: Itelyum e WeSchool in classe per parlare di innovazione digitale