Riciclo e RifiutiTerritorio

Rifiuti, spopola sui social la Trash Challenge che invita i giovani a ripulire il mondo

Condividi

Rifiuti. Sono sempre di più le “challenge” a catena che invitano gli utenti a compiere una determinata azione e poi postare sui social la fotografia con uno specifico hashtag (in questo caso #trashtag)

La nuova sfida, che sta diventando un vero e proprio tormentone, si chiama “Trash Challenge” ed invita gli adolescenti di tutto il mondo a scegliere un luogo sporco e a ripulirlo dai rifiuti.

Nel mondo, in un anno, vengono prodotte circa 1,3 miliardi di tonnellate di rifiuti domestici e solo 258-368 milioni di tonnellate di esse finiscono nelle 50 discariche più grandi.

La maggior parte dei rifiuti, purtroppo, finiscono negli oceani.

Rifiuti, arriva il ‘plogging’: mantenersi in forma mentre si ripulisce la propria città

In cosa consiste la sfida:

  • scegliere un ruolo bisognoso di “cure”
  • scattare una fotografia del luogo prima dell’intervento di pulizia
  • scattare una seconda fotografia dopo l’intervento di pulizia
  • postare sui social (con l’hashtag #trashtag) le due fotografie

 

Anche se la sfida non dà alcuna indicazione sulle modalità di raccolta, appare evidente come sia fondamentale fare più sacchetti per differenziare i rifiuti, che andranno poi portarti in appositi centri in cui possano essere gestiti al meglio.

 

Rifiuti in mare, smaltirli senza costi per i pescatori. La petizione su change.org

#trashtag è esploso sui social media dopo che un utente reddit ha postato uno screenshot di qualcuno che aveva completato la sfida, seguita dalla didascalia:

“Ecco una nuova #challenge per tutti i ragazzi annoiati. Scatta una foto di un’area che necessita di pulizia o manutenzione, poi scattane un’altra dopo che hai fatto qualcosa a riguardo, e pubblicala qui!”

Non si è fatta attendere la risposta dei giovani che hanno già dato prova del loro senso civico, dell’amore per la Terra e della sensibilità per le tematiche ambientali.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago