Inquinamento

Rifiuti tossici, 25mila barili sepolti nell’oceano: un disastro ambientale che dura da più di 70 anni

Condividi

Al largo della costa della California meridionale vicino a Catalina Island ci sono circa 25mila barili pieni di rifiuti tossici sepolti nelle profondità dell’oceano. Si tratta di un disastro ambientale che dura da più di 70 anni.

Una discarica sottomarina di rifiuti tossici risalente alla seconda guerra mondiale: si stima che tra le 350 e le 700 tonnellate di DDT siano state scaricate nella zona al largo della costa della California meridionale vicino a Catalina Island.

A sole 10 miglia dalla costa di Los Angeles si nasconde un disastro ambientale che dura da più di 70 anni, conosciuto da pochi ma ora, grazie alla ricerca di uno scienziato marino dell’Università della California, David Valentine, venuto alla luce. La curiosità lo ha guidato a 3000 piedi sotto la superficie dell’oceano. Poche ore di ricerca e un sommergibile robotico autonomo hanno portato alla luce ciò che era stato nascosto dagli anni ’40: innumerevoli barili di rifiuti tossici, disseminati sul fondo dell’oceano tra Long Beach e Catalina Island.

Il fatto che la sua macchina fotografica subacquea abbia individuato immediatamente dozzine di barili in decomposizione in quello che altrimenti sarebbe un fondale marino arido e desertico, dice Valentine, è la prova che il numero di barili è probabilmente immenso. Sebbene il numero esatto sia ancora sconosciuto, un resoconto storico stima che potrebbe arrivare fino a mezzo milione.

Ma questo sito di discarica in mare aperto è solo una parte della storia dei danni ambientali causati da anni di scarico del DDT lungo la costa della California meridionale, una storia che probabilmente non sarà chiusa per decenni a venire a causa del suo impatto in corso, tra cui una scoperta di recente tasso di cancro allarmante e senza precedenti nella popolazione di leoni marini dello stato, con 1 leoni marini adulti su 4 afflitti dalla malattia.

Oggi gli scienziati della University of California San Diego’s Scripps Institution of Oceanography hanno continuato la ricerca avviata da David Valentine, come indicato dal Guardian.

Taranto, fusti contenenti rifiuti radioattivi incustoditi e in attesa di smaltimento da più di 20 anni

Nonostante il fatto che i barili tossici siano stati scaricati negli anni ’40, ’50 e ’60, la loro esistenza è diventata di dominio pubblico lo scorso autunno quando il Los Angeles Times ha pubblicato un servizio sul lavoro di Valentine. Ma la sua scoperta risale al 2011, quando ha deciso per la prima volta di vedere se le voci sui barili erano vere. Nel 2013 ha fatto un altro breve viaggio sul sito. Ma la sua ricerca non è stata pubblicata fino a marzo 2019.

Ecomafie, nel 2020 emerse numerose irregolarità in impianti di rifiuti

I ricercatori hanno raccolto 27.345 immagini di barili e mappato più di 36.000 acri di fondale marino tra l’isola di Santa Catalina e la costa di Los Angeles. I registri storici delle spedizioni mostrano che le aziende industriali della California meridionale hanno utilizzato il bacino come discarica fino al 1972, quando è stato emanato il Marine Protection, Research and Sanctuaries Act, noto anche come Ocean Dumping Act.

Il territorio coperto era “sbalorditivo”, ha detto Eric Terrill, capo scienziato della spedizione e direttore del Marine Physical Laboratory presso Scripps Institution of Oceanography. I droni sottomarini che utilizzano la tecnologia sonar hanno catturato immagini ad alta risoluzione di barili che si trovano a 900 metri (3.000 piedi) sotto la superficie lungo il ripido fondale marino che è stato rilevato. 

L’indagine fornisce “una mappa ad ampia area” dei barili, anche se spetterebbe ad altri confermare attraverso il campionamento dei sedimenti che i contenitori contenevano DDT, ha detto Terrill.  L’impatto a lungo termine sulla vita marina e sugli esseri umani era ancora sconosciuto, ha affermato Lihini Aluwihare, oceanografo chimico e professore di geoscienze di Scripps.  “Questi risultati sollevano anche interrogativi sulla continua esposizione e sui potenziali impatti sulla salute dei mammiferi marini, soprattutto alla luce di come il DDT ha dimostrato di avere impatti multi-generazionali sugli esseri umani“, ha detto Aluwihare.

Secondo i ricercatori, se i barili non hanno avuto perdite potrebbero essere spostati in un luogo dove lo smaltimento è più sicuro.

(Visited 230 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago