Roma e Dintorni

Rifiuti, il Tmb Rocca Cencia è fuorilegge? La parola ai Pm

Condividi

Rifiuti. “Il Tmb va chiuso, non si respira”.

è stato questo per anni lo slogan delle manifestazione davanti l’impianto Ama di Rocca Cencia, che lamentavano esalazioni nauseabonde in tutto il quadrante est di Roma.

E proprio per accertarsi che questi “odori” non nuocciano alla salute, la magistratura apre una nuova indagine.

L’indagine dei Pm nasce da una serie di denunce sui miasmi prodotti dallo stabilimento presentate dalle associazioni di quartiere.

Rifiuti, via libera definitivo alle tanto attese norme su End of Waste

Un tormento per i residenti di zona che sono costretti a chiudere le finestre per evitare che l’odore emesso dall‘impianto invada le stanze, impregni ogni ambiente.

L’impianto di Rocca Cencia negli ultimi giorni è stato oggetto di indagini da parte dei tecnici della procura.

Nella loro relazione, depositata nei giorni scorsi sulla scrivania dei magistrati titolari, si punta il dito contro l’intera struttura, ad iniziare dalla qualità del rifiuto “prodotto” che spesso è al di sotto degli standard di legge.

Plastica, ragazzo olandese inventa un dispositivo per raccogliere i rifiuti dai fiumi VIDEO

In discussione c’è l’efficace funzionamento di tutta la “macchina” ed i pm valuteranno di modificare il titolo di reato in attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Una perizia estremamente pesante che mette in discussione l’intero sistema del trattamento dei rifiuti nella Capita le gestito dall’Ama, l’azienda municipalizzata del comune di Roma.

Il Tmb in via Salaria è  chiuso dal settembre del 2019 e quello Rocca Cencia (entrambi di proprietà dell’Ama) è malfunzionante.

Una situazione molto vicina al collasso che impone estrema prudenza nella gestione di questo fascicolo da parte degli inquirenti.

Va anche ricordato che i magistrati di Piazzale Clodio già in passato avevano già avviato un’altra inchiesta sempre sulla “puzza” sull’altro Tmb, quello gemello di via Salaria (ad oggi chiuso).

Rifiuti, dagli scarti alimentari al packaging 100% biodegradabile

I cattivi odori, per gli investigatori rappresentano la punta dell’iceberg.

Il campanello di allarme che segnala che qualche cosa nello stabilimento non funziona.

La domanda che si erano posti gli inquirenti era: il Tmb di Rocca Cencia e (nel recente passato) via Salaria svolgono realmente il lavoro per cui sono stati concepiti?

Ovvero il trattamento meccanico biologico dei rifiuti indifferenziati.

Ebbene i periti incaricati dai magistrati hanno dato la loro risposta.

La relazione depositata fornisce un responso negativo al quesito proposto dai pm: a Rocca Cencia c‘è qualche cosa che non va.

Di certo questa consulenza allarga ulteriormente il perimetro delle indagini, quelle relative agli incendi scoppiati sui due Tmb, inchieste che vanno avanti spedite.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago