Rifiuti, dalle taniche ai tappeti. In Ghana il riciclo diventa arte

Rifiuti. Da rifiuto a opera d’arte.

È la battaglia di Serge Attukwei Clottey, artista ghanese e fondatore dell’Afrogallonismo: un movimento che eleva le taniche a simbolo di inquinamento e siccità.

A raccontare la sua storia è l’Onu Ambiente in occasione della quarta Assemblea delle Nazioni Unite, che in questi giorni vede i ministri dell’Ambiente riuniti a Nairobi, in Kenya.

Rifiuti, spopola sui social la Trash Challenge che invita i giovani a ripulire il mondo

L’opera di Attukwei Clottey, fondatore del collettivo GoLokal, affronta i temi della protezione ambientale e della giustizia sociale.

Protagoniste dell’opera, le taniche gialle con cui dall’Occidente veniva portato in Ghana l’olio da cucina.

Quelle stesse taniche veniva poi utilizzate per trasportare l’acqua nei periodi di grandi siccità.

E sono sempre quelle stesse taniche che sono andate ad alimentare i rifiuti nelle discariche lungo le spiagge.

Il messaggio che l’artista vuole mandare è chiaro: l’Occidente produce, esporta e non si cura della plastica che dissemina nel mondo.

Rifiuti in mare, smaltirli senza costi per i pescatori. La petizione su change.org

Le taniche gialle, con cui in Ghana sono arrivati innumerevoli galloni di olio, hanno inizialmente preso la forma di maschere: “abbiamo le maschere tradizionali, ma queste qua rappresentano le maschere del nostro tempo” – ha osservato Attukwei Clottey, spiegando che poi, sono diventate tappeti da srotolare lungo le strade di Labadi, il quartiere di Accra (la capitale del Ghana) dove è nato e ha il suo studio d’arte.

Rifiuti, arriva il ‘plogging’: mantenersi in forma mentre si ripulisce la propria città

“Voglio trovare il modo di ispirare le persone a lavorare con la plastica e a riciclarla in modo creativo – ha proseguito l’artista – non si tratta solo di raccogliere rifiuti, ma di inviare un messaggio ai produttori: i rifiuti stanno diventando un problema quotidiano. È  necessario che le compagnie produttrici di imballaggi e contenitori di plastica dimostrino un interesse maggiore per la fine dei loro prodotti”.
L’Africa – ha evidenziato Attukwei Clottey- ha capito quanto il commercio abbia avvantaggiato l’Occidente”.

Ora, l’obiettivo dell’artista è quello di invertire i ruoli: esportando le sue opere, rispedirà al mittente i rifiuti.

(Visited 82 times, 1 visits today)

Leggi anche

Call Now ButtonDiventa Green!