InquinamentoRifiuti

Rifiuti, scoperta in Malesia un’ enorme discarica di materiale tossico

Condividi

110 container pieni di rifiuti tossici sono stati rinvenuti in Malesia, provenienti dalla Romania.

Le autorità malesi hanno scoperto 110 container di metalli pesanti pericolosi provenienti dalla Romania e diretti in Indonesia che erano entrati illegalmente nel paese e sono stati abbandonati il ​​mese scorso, diventando il più grande caso di rifiuti tossici illegali, secondo quanto riferito dai media statali.

Terra dei fuochi, scoperto un lago di rifiuti tossici in un cava VIDEO

La Malesia negli ultimi anni è diventata la principale destinazione mondiale per i rifiuti di plastica dopo che la Cina ha vietato le importazioni di rifiuti dai paesi occidentali.Lo stato Asiatico sta negoziando con i paesi di origine per riprendere centinaia di container di plastica che sono entrati illegalmente nel paese.

Il ministro dell’Ambiente e dell’Acqua Tuan Ibrahim Tuan Man ha dichiarato che 1.864 tonnellate di polvere di fornace ad arco elettrico (EAFD) – un sottoprodotto della produzione di acciaio che contiene metalli pesanti come zinco, cadmio e piombo – sono stati trovati abbandonati nel porto di Tanjung Pelepas, nello stato meridionale di Johor.

Napoli, sequestrati 12mila tonnellate di rifiuti. Costa: “I criminali ambientali non avranno mai vita facile”

La scoperta dell’EAFD, in transito in Malesia e diretto in Indonesia, è la più grande scoperta del suo genere nella storia della Malesia”, ha detto Tuan Ibrahim.

Il Dipartimento dell’Ambiente, in quanto autorità della Convenzione di Basilea (per la Malesia), non ha concesso o ricevuto notifiche dall’esportatore di rifiuti per il transito in Malesia“, ha affermato.

La Malesia ha contattato l’autorità rumena della Convenzione di Basilea per organizzare il rimpatrio dei container e ha incaricato l’Interpol per ulteriori indagini, ha affermato Bernama.

L’ambasciata rumena a Kuala Lumpur non ha ancora risposto a una richiesta di commento.

 

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago