Nelle prossime ore la Regione Lazio, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, emanerà un’ordinanza con cui verrà disposto che tutti gli impianti di trattamento dei rifiuti del Lazio garantiscano la massima operatività per accogliere i rifiuti prodotti dalla città di Roma. L’ordinanza indicherà inoltre un preciso cronoprogramma di azioni da realizzare da parte della società Ama con l’obiettivo di raccogliere in breve tempo tutti i rifiuti attualmente giacenti sulle strade della Capitale, ripulendo e ripristinando le condizioni di igiene e di decoro urbano

Nelle prossime ore la Regione Lazio, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, emanerà un’ordinanza, in base all’articolo 191 del decreto legislativo 152 del 2006, con cui verrà disposto, per motivi di urgente necessità di tutela dell’ambiente, che tutti gli impianti di trattamento dei rifiuti del Lazio garantiscano la massima operatività per accogliere i rifiuti prodotti dalla città di Roma.

Roma, chi è Laura Fiorini, il nuovo Assessore al Verde senza delega ai rifiuti

Al tempo stesso questa ordinanza indicherà un preciso cronoprogramma di azioni da realizzare da parte della società Ama con l’obiettivo di raccogliere in breve tempo tutti i rifiuti attualmente giacenti sulle strade della Capitale, ripulendo e ripristinando le condizioni di igiene e di decoro urbano.

Rifiuti e riciclo imballaggi, tutti i provvedimenti del Dl Crescita

In particolare, l’azienda municipalizzata dovrà anche assicurare la funzionalità di idonee infrastrutture logistiche, come stazioni di trasferenza e aree di trasbordo; la disponibilità di ulteriori impianti di trattamento mobili; ristabilire il regolare e tempestivo pagamento dei fornitori aziendali.

Articolo precedenteClima, piogge e inondazioni devastano l’Asia IMMAGINI
Articolo successivoAlimentazione, dal 3 al 6 luglio torna ‘Eat Up – il festival del cibo di strada dal Mondo’