Riciclo e RifiutiTerritorio

Rifiuti, rimosso dalle fogne di Londra un blocco di 40 tonnellate

Condividi

Si chiama “fatberg”, pesa quaranta tonnellate, grande come un autobus a due piani, ed è un ammasso di rifiuti composto da materiale che non andrebbero assolutamente gettati nei lavandini.  Grazie ad un team di ingegneri è stato eliminato dalle fogne di Londra.

Un fatberg è un blocco di rifiuti composto principalmente da oli e grassi congestionati, che raccoglie pannolini ed altri materiali che non dovrebbero essere gettati nei lavandini, impedendo a questi di scorrere nelle fogne ma creando dei veri e propri iceberg di rifiuti.

Plastica, ragazzo olandese inventa un dispositivo per raccogliere i rifiuti dai fiumi VIDEO

La massa di grasso, liquame ed altri materiali è stata scoperta quest’anno pulendo una fognatura a Greenwich. Ci sono volute tre settimane per ripulire il blocco che occupava circa l’80% della fogna. Hanno usato una combinazione di gettiti di acqua ad alta potenza per farlo sciogliere e poi rimuoverlo a mano.

Il team di ingegneri di Thames Water ha visitato gli stabilimenti di cibo nell’area per assicurarsi che questi materiali non vengano gettati nei lavandini e che il grasso prodotto venga lavorato con appositi strumenti.

Come ha riportato Matt Rimmer, a capo del team che si è occupato della rimozione “era un enorme e disgustoso blocco che ha richiesto un grosso lavoro per far sì che le fogne potessero continuare a funzionare. Sono felice che il nostro team sia riuscito nell’impresa ed abbia rimosso il fatberg prima che potesse causare problemi alla rete e all’ambiente. Abbiamo bisogno che tutti ci aiutino a combattere i fatberg, gettando solamente le 3 P, “pee, poo and paper” (dall’inglese urine, feci e carta da bagno) mentre il grasso e l’olio devono finire nel cestino e non nei lavandini”.

Rifiuti, viaggio tra le acque del Sarno, il fiume più inquinato d’Europa. Costa: “Grave ma si può salvare”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago