Riciclo e RifiutiTerritorio

Rifiuti in mare, smaltirli senza costi per i pescatori. La petizione su change.org

Condividi

Rifiuti. Ogni giorno i pescatori raccolgono con le loro reti tonnellate e tonnellate di rifiuti e plastica. Con la normativa vigente i pescatori devono pagare per smaltirli. Per modificare la normativa vigente Fondazione Cetacea Onlus lancia una petizione su Change.org.

La legge 152/2006 stabilisce alcune regole in materia ambientale e nel testo alcuni rifiuti del mare sono classificati quali rifiuti speciali. Questa definizione comporta che il loro trattamento sia molto più complesso e costoso di quello del rifiuto urbano indifferenziato e che lo smaltimento sia a carico di chi lo conferisce. Ci sono eccezioni a livello di singole amministrazioni o autorità portuali che permettono in sede locale lo smaltimento dei rifiuti ai pescatori ma questo dovrebbe essere possibile in tutti i porti d’Italia.

Clean sea life, pescatori in prima linea per raccogliere i rifiuti

Per non dover pagare i costi di smaltimento previsti dalle normative in vigore, i pescatori si vedono costretti a ributtare i rifiuti in mare, quando la loro azione involontaria potrebbe essere davvero un grande aiuto per operazioni di pulizia dei mari.

Venezia, gondolieri rimuovono dai canali 600kg di rifiuti

Per questo la Fondazione Cetacea Onlus,  nata con l’impegno di tutelare l’ecosistema marino, lancia una petizione online su Change.org chiedendo al ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa di dar seguito alla promessa fatta nel giugno del 2018, ovvero quella di cambiare le normative vigenti per un mare senza plastica.

Pesca sostenibile e tutela della biodiversità. Cosa possono fare i consumatori

Con la petizione si chiede anche di autorizzare i pescatori a riportare a riva i rifiuti con l’emanazione di ordinanze in tal senso alle regioni, alle autorità portuali ed alle capitanerie di porto senza alcun costo a loro carico. La petizione si pone l’obiettivo delle 150mila firme.

FIRMA LA PETIZIONE – Permettiamo ai pescatori di pulire il mare

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago