Uno gruppo di studiosi internazionali sta progettando un sistema per filtrare le microplastiche dagli oceani tramite le onde sonore.

Filtrare le microplastiche dall’acqua inquinata usando le onde acustiche potrebbe essere la soluzione definitiva per ripulire gli oceani, secondo una nuova ricerca

Le microplastiche vengono rilasciate nell’ambiente quando cosmetici, abbigliamento, processi industriali e prodotti in plastica come gli imballaggi si degradano naturalmente.

Gli inquinanti plastici poi si fanno strada nei fiumi e negli oceani, mettendo in pericolo la vita marina.

Oceani, i satelliti della NASA saranno utilizzati per tracciare le masse di microplastica

Filtrare e rimuovere queste particelle dall’acqua è un compito difficile e tempestivo, ma l’uso delle onde acustiche può fornire una soluzione rapida ed efficace.

Il dott. Dhany Arifianto dell‘Institut Teknologi Sepuluh Nopember di Surabaya, in Indonesia, ha creato un prototipo di filtraggio che utilizza le onde acustiche e ha presentato il suo metodo e i suoi dati al Meeting della 181a Acoustical Society of America a Seattle, progettato per mostrare le ultime ricerche sulla scienza di suono.

 


Il dottor Arifianto e il suo team hanno utilizzato due altoparlanti per creare le onde acustiche e la forza prodotta è stata in grado di separare le microplastiche dall’acqua creando pressione su un tubo di acqua in entrata.

Quando il tubo si divide in tre canali, le particelle di microplastica vengono premute verso il centro mentre l’acqua pulita scorre verso i due canali esterni su entrambi i lati.

Oceani, recuperate 10 tonnellate di rifiuti dall’Isola di Plastica del Pacifico

Il dispositivo prototipo ha pulito l’incredibile quantità di 150 litri di acqua inquinata all’ora ed è stato testato filtrando tre diverse microplastiche.

Ogni plastica è stata filtrata con un’efficienza diversa, ma tutte avevano un’efficienza superiore al 56% in acqua pura e un ulteriore 59% in acqua di mare.

Inquinamento, in mare ci sono più particelle di microplastica che plancton

Il team ha misurato diverse variabili rispetto alla loro efficienza e ha scoperto che la frequenza acustica, la distanza dall’altoparlante al tubo e la densità dell’acqua influiscono sulla quantità di forza generata.

Il gruppo sta ora studiando come le onde acustiche possano avere un impatto sulla vita marina se la frequenza delle onde è nella gamma udibile.

 

 

Articolo precedenteSangalli “Per consumi a Natale rilanciare fiducia con taglio tasse”
Articolo successivoAnimali, Tiziano Ferro testimonial dell’iniziativa della LAV: visite veterinarie gratuite per le famiglie in difficoltà