Dopo aver rimosso le cannucce, McDonald’s Australia ha deciso di sostituire le posate di plastica con quelle di legno nel tentativo di ridurre la quantità di rifiuti prodotta nei suoi ristoranti.

McDonald’s ha annunciato che sostituirà le posate di plastica con quelle di legno nei suoi ristoranti in Australia. L’annuncio è giunto durante il national plastic summit organizzato a Canberra dal Ministro dell’Ambiente Sussan Ley. L’obiettivo è di eliminare completamente le posate di plastica entro la fine del 2020 e ridurre la quantità di rifiuti prodotta.

McDonald’s sempre più green, meno plastica e più riciclo

Kylie Freeland direttore di McDonald’s Australia ha spiegato: “Ci stiamo impegnando per diventare i leader delle pratiche sostenibili, utilizzando la nostra diffusione per dare un contributo positivo nelle comunità in cui operiamo. Eliminando cannucce e posate di plastica vogliamo ridurre le nostre impronte ambientali e rimuovere oltre 860 tonnellate di plastica dai nostri ristoranti”.

Plastica, basta giochi nell’happy meal. Due bambine contro McDonald’s e Burger King

La decisione di McDonald’s è stata presa a seguito di periodo di prova di tre mesi condotto in Nuova Zelanda, nel quale nove ristoranti hanno utilizzato posate di legno. McDonald’s ha già rimosso le cannucce di plastica nei suoi ristoranti nel 2018 e lo scorso anno ha detto addio anche al coperchio di plastica del McFlurry.

Plastica, nei menù bimbi dei fast food solo giocattoli plastic free

Boomerang Alliance e WWF Australia sostengono che 130,000 tonnellate di plastica finiscano nei mari australiani ogni anno. Peter Shmigel, CEO di The Australian Council of Recycling, spera che il summit tenuto nel weekend possa portare a cambiamenti concreti: “Un summit che mette la sostanza davanti allo stile è quello di cui abbiamo bisogno per affrontare il problema della plastica. Dobbiamo essere più intelligenti nell’utilizzo della plastica e in particolare assicurarci che sia riciclabile e che venga prodotta a basse emissioni”. La speranza è che McDonald’s possa rimpiazzare le sue posate in tutto il mondo e che porti avanti il suo impegno per ridurre i rifiuti di plastica.

Articolo precedenteModa, Stella Mc Cartney porta i peluche in passerella: “io, il marchio etico”
Articolo successivoUSA, Trump denunciato per non aver protetto 241 specie a rischio estinzione