AttualitàRifiuti

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa tra Commissione Ecomafie e Comune di Napoli

Condividi

Rifiuti. Scambio di informazioni, supporto operativo nello svolgimento di attività di polizia giudiziaria, collaborazione in iniziative formative. Sono questi gli obiettivi principali dei due protocolli d’intesa tra la Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e illeciti ambientali ad esse correlati e, rispettivamente, il Comune e la Città Metropolitana di Napoli. 

I protocolli sono stati sottoscritti oggi dal Presidente della Commissione On. Stefano Vignaroli e dal Sindaco di Napoli e Sindaco metropolitano Luigi de Magistris, presso palazzo San Macuto.

I protocolli permetteranno di avviare una collaborazione tra la Commissione e le due istituzioni su diversi fronti.

Plastica, la quantità di rifiuti è aumentata durante l’emergenza sanitaria

In primo luogo, le Parti si impegnano per un fruttuoso scambio di informazioni concernenti le attività volte alla prevenzione e al contrasto degli illeciti nel settore del ciclo dei rifiuti e delle attività ad esso correlate.

Le Parti potranno inoltre richiedere vicendevolmente l’accesso a singoli atti non coperti da segreto.

Grazie ai protocolli, le Parti potranno anche collaborare per lo svolgimento di attività di polizia giudiziaria.

Australia, 113 kg di rifiuti raccolti sulle coste per ricordare la Giornata Mondiale degli Oceani

Nello specifico la Commissione, quando ritenga necessario eseguire d’iniziativa un’attività di polizia giudiziaria, potrà richiedere il supporto del Corpo di Polizia Metropolitana e della Polizia Locale di Napoli.

Inoltre nei protocolli le Parti si impegnano a segnalare le reciproche iniziative formative organizzate nelle materie di interesse comune, favorendo la partecipazione e, se richiesta, la docenza di propri rappresentanti o collaboratori.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago