Riciclo e RifiutiTerritorio

Rifiuti, firmato il primo Decreto End of Waste per riciclare i pannolini

Condividi

Rifiuti.  Via libera al primo decreto End of Waste per il riciclo dei PAP, prodotti assorbenti della persona come i pannolini, che permetterà  di far sviluppare una tecnologia industriale italiana creando nuovi posti di lavoro.

Passo Civico a Roma ripulisce il Tevere dai rifiuti FOTO

“Un giorno importante e un passaggio epocale per l’economia circolare – ha commentato il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa – oggi ho firmato il decreto con cui può finalmente decollare un’industria tutta italiana che coniuga il riciclaggio e la conseguente riduzione del problema dello smaltimento dei rifiuti con la creazione di tantissimi posti di lavoro”.

Rifiuti, un mare di plastica nel Mediterraneo VIDEO SHOCK

Rifiuti, 11 tipi diversi ogni metro di spiaggia. Primato in Campania e Puglia

Con questo decreto – ha spiegato Costa – “si potranno quindi recuperare e non mandare a incenerimento o discarica ben 900 mila tonnellate l’anno di rifiuti”.

Questi sono i sì che ci piacciono – ha concluso il ministro – questi sono i passi giusti per un futuro sostenibile e un’economia circolare che coniughi posti di lavoro e tutela ambientale dando piena realizzazione alla gerarchia dei rifiuti come fissata dall’Unione europea”.

Rifiuti, al cinema arriva ‘Trash’. Il film di animazione sulla seconda vita degli oggetti

I prossimi decreti End of Waste, in ordine temporale, che stanno arrivando a conclusione dopo vari passaggi istituzionali e che comprendono anche la valutazione presso la Commissione Europea sono:

  • il recupero degli pneumatici
  • carta e cartone,
  • plastiche miste
  • rifiuti da costruzione e demolizione

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago