Rifiuti

Rifiuti, la discarica nascosta nel Tirreno che tutti hanno dimenticato

Condividi

Cinque anni fa una nave cargo perse 56 ecoballe di immondizia compressa al largo della Toscana. Quelle balle sono ancora lì, nascoste da un vortice di burocrazia.

La fogna che non si vede è nascosta dall’azzurro del Tirreno, al confine col paradiso dell’Isola d’Elba, alle spalle dell’isolotto dei Cerboli. Quel che resta delle 56 ecoballe finite in acqua quasi 5 anni fa lentamente si sta disperdendo in mare. Giorno dopo giorno la contaminazione si allarga e milioni di rifiuti frantumati si allontanano tra le onde. La plastica che tratteneva questi grandi fagotti di immondizia compressa (un carico di 63 mila chili) ha già ceduto alla forza delle correnti e dove un tempo c’erano praterie di posidonia ora si è creata una grande discarica sommersa.

Per bonificare questo tratto di mare, a poche miglia dalla costa di Piombino, nel cuore del santuario dei cetacei, un lustro intero non è bastato. Dal giorno che la nave Ivy ha perso una parte dei veleni destinati al porto di Varna, nel Mar Nero, la burocrazia ha fermato un’operazione che si sarebbe dovuta svolgere con urgenza. E velocemente.

Terra dei fuochi, scoperto un lago di rifiuti tossici in un cava VIDEO

Dell’incidente avvenuto al largo della Toscana, nel golfo di Follonica, si è scoperto solo quando il cargo, che batte bandiera delle Isole Cook, era già a destinazione. Delle ecoballe precipitate in mare, così hanno raccontato i componenti dell’equipaggio, nessuno si era reso conto prima. Da allora una grande quantità di veleni si è dispersa in mare e la bonifica rischia di iniziare troppo in ritardo. L’effetto dei soliti pasticci burocratici.

Questa volta a complicare le cose è il decreto di nomina del commissario straordinario che avrebbe dovuto gestire l’emergenza. Sembra assurdo, ma sulla vicenda è stato addirittura aperto un procedimento per conflitto d’interessi da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm). Il caso è davvero paradossale.

Roma, scoperti rifiuti tossici nel Tevere: denunciate 7 persone

Il contrammiraglio Aurelio Caligiore, capo del Reparto ambientale marino delle Capitanerie di porto, avrebbe dovuto gestire con poteri eccezionali tutte le procedure necessarie a recuperare quel che resta delle ecoballe e a bonificare il fondale inquinato dal carico di veleni. Per questo, all’inizio di luglio 2019, gli è stato assegnato l’incarico di commissario straordinario del governo. Ma per la burocrazia la forma è sostanza.

E così l’Agcm interviene subito, prima con una segnalazione e poi con un provvedimento ufficiale che ha tutte le caratteristiche dello stop. Quella nomina, secondo una legge del 1998, si configura come “incarico di governo” e così il ruolo del contrammiraglio risulta «non compatibile» con la sua posizione di ufficiale in servizio permanente del Corpo delle Capitanerie di porto.

Inquinamento mari, meduse e rifiuti rappresentate in un unico scatto

Il risultato è scontato: Aurelio Caligiore non può occuparsi delle ecoballe di Piombino, a meno che non si dimetta dall’incarico precedente, e così a fine gennaio tutto si blocca. «È assurdo – protesta Umberto Mazzantini rappresentante della sezione di “Arcipelago toscano” di Legambiente – che si sia aspettato 4 anni per fare questa nomina e che poi si cada su un cavillo, tra l’altro su un atto firmato dal Presidente
della Repubblica».

Le correnti, nel frattempo, non fermano la loro azione quotidiana e così milioni di particelle di plastica (e chissà di quali altri materiali) invadono il golfo di Follonica e il Tirreno. «Il rischio – ripete preoccupata l’assessore all’Ambiente di Piombino, Carla Bezzini – è che durante la prossima stagione estiva una parte di quella discarica sommersa torni a galla e che finisca sulle nostre spiagge. Liberare l’arcipelago da deve essere una priorità.

Massafra, sequestrata maxi discarica abusiva: 24mila tonnellate di rifiuti in gravina

Come sia composta quella montagna di rifiuti ancora non è certo. Con chiarezza, finora, si è visto soltanto ciò che le correnti hanno riportato a galla. Il 24 agosto del 2018, per esempio, due grandi involucri sono emersi improvvisamente e per capire quanto possa essere grave la situazione è bastato osservare i milioni di pezzi di plastica che si sfaldavano sotto il sole. Quelli depositati a più di 50 metri di profondità sono rifiuti urbani, così almeno ha sempre assicurato l’armatore della nave che ha causato il disastro, ma è probabile che nel fondale si siano dispersi anche materiali non compatibili con un paradiso marino come quello che si trova al largo della Toscana.

Per non parlare delle microplastiche che hanno già contribuito ad aggravare la situazione del Mediterraneo. «Si faccia in fretta a ripulire tutto – chiede da mesi Coldiretti, facendosi portavoce dei pescatori della zona – Quella che c’è sott’acqua è una vera bomba ecologica». Per di più piazzata in una zona ad alta sensibilità, dove balene, delfini e caretta caretta hanno trovato il rifugio ideale.

(Visited 110 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago