AttualitàBreaking News

Rifiuti, sequestrata discarica abusiva sulla spiaggia a Milazzo

Condividi

Rifiuti. Circa 20 ettari. Sono le proporzioni della discarica abusiva sequestrata dalla Capitaneria di Porto-Guardia Costiera, su disposizione della Procura, sulla spiaggia di Milazzo, in provincia di Messina.

A renderlo noto è il ministero dell’Ambiente in una nota, in cui sottolinea che “cumuli di rifiuti accatastati e disseminati in riva al mare, tra cui anche dei fusti, sono emersi a seguito della recente mareggiata: uno sfregio intollerabile alla natura”.

Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, appena saputo della discarica abusiva che minaccia il mare – si legge ancora nella nota – “ha inviato immediatamente sul posto per una verifica ispettiva il capo del Reparto Ambientale Marino, l’ammiraglio Aurelio Caligiore, affiancato dal suo staff, che sta effettuando gli accertamenti del caso”.

La discarica è stata scavata sulla sabbia.

Tevere, un successo per la barriera anti plastica: in un mese 500kg di rifiuti raccolti

In questo modo, ogni mareggiata avrebbe potuto dissotterrare i rifiuti e trascinarli in mare.

La situazione, rileva il ministero, “è delicata dal punto di vista ambientale e sanitario. Proprio per questo sono scattati immediatamente i sopralluoghi e le indagini, tuttora in corso”.

“Stiamo monitorando con attenzione – afferma Costa – quanto accaduto: un fatto davvero sconcertante. Stiamo attivando tutti gli attori istituzionali competenti sul territorio, dal Comune alla Regione, affinche’ si scongiuri il pericolo che i rifiuti finiscano in mare e affinche’ vengano prontamente rimossi. Il nostro obiettivo prioritario e’ salvare il mare da un eventuale inquinamento, agevolare un rapido ripristino ambientale dell’area e proteggere la popolazione da eventuali rischi sanitari”.

“Un tappeto immenso di rifiuti in riva al mare, e si intravedono anche dei fusti: uno sfregio alla natura INTOLLERABILE – scrive su facebook il Ministro dell’Ambiente – appena ho saputo di questo terribile ritrovamento ho immediatamente inviato il capo del Reparto Ambientale Marino, l’ammiraglio Aurelio Caligiore, per effettuare una verifica ispettiva”.

Plastica, ecco la “barriera di bolle”che raccoglie i rifiuti nei fiumi VIDEO

“Non possiamo nascondere che la situazione sia molto delicata da un punto di vista ambientale e sanitario, per questo sono partite immediatamente le indagini, tuttora in corso – scrive ancora -abbiamo già avviato la procedura per fare in modo che tutti quei rifiuti non finiscano in mare, interloquendo con Regione e Comune, creando così ancora più danni di quanti ne abbia già creati.

Il nostro obbiettivo principale ora è proprio salvaguardare il mare, far in modo che chi di dovere rimuova questi rifiuti, per il ripristino ambientale dell’area e per tutelare ambiente e salute della popolazione”.

Chi ha fatto tutto questo deve pagare caro – conclude Costa – perché non potremo mai risolvere i problemi ambientali del Paese fino a che gente come questa sarà libera di agire impunemente”.

 

(Visited 25 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago