RifiutiRoma

Tevere, continua il successo della barriera anti plastica: 1300 kg in due mesi

Condividi

Raccolti 1300 chili di plastica in due mesi. Ancora un grande successo per la barriera anti plastica sul Tevere. Continua la sperimentazione per altri 3 mesi.

Il 17 febbraio scadeva la proroga ma grazie ai risultati ottenuti,1300 kg di plastica in due mesi, continua la sperimentazione della barriera acchiappa plastica sul Tevere.

L’eccessiva produzione di rifiuti e l’insufficiente smaltimento di questi, rappresentano oggi alcune delle crisi ambientali più gravi, e risultano indispensabili politiche efficaci ed incisive, da parte dei Governi e delle Istituzioni”, ha dichiarato Cristiana Avenali, Responsabile Contratti di Fiume della Regione Lazio. I risultati particolarmente significativi ottenuti con il posizionamento della Barriera Acchiapparifiuti sul Tevere da parte della Regione Lazio, ci hanno dato una bella soddisfazione ed è per questo che abbiamo deciso di prolungare questa sperimentazione fino alla fine di febbraio”, continua Avenali.

A metà dicembre grazie alla nuova diga sono stati rimossi dal Tevere quasi 500 kg di plastica e rifiuti. Da una prima analisi su un campione di 114 kg, i tecnici hanno scoperto che gli imballaggi costituiscono una percentuale del 46,27% dei rifiuti raccolti, mentre il resto è formato da frazioni varie: come i seggiolini da auto per i bambini, giacche, palloni, sedie a sdraio.

Come conferma Avenali: Già ad oggi i chili di plastica recuperata e poi conferita a Corepla sono stati 500, unendo un prezioso risultato pratico ad un alto valore simbolico dal punto di vista della consapevolezza e dell’educazione ambientale di ognuno di noi, e che ci porterà sicuramente al termine della sperimentazione, ad un posizionamento della barriera più duraturo nel tempo e all’estensione del progetto ad altri corpi idrici del territorio”.

Si tratta di rifiuti molto grandi che l’Ama definirebbe ingombranti, abbandonati in discariche improvvisate sugli argini e poi le piene e la corrente li hanno fatti arrivare al fiume.

Plastica, ecco la “barriera di bolle”che raccoglie i rifiuti nei fiumi VIDEO

Il sistema di intercettazione, realizzato da Castalia Operations srl, la stessa che ha installato le dighe sul Po, consiste in barriere in polietilene che bloccano i rifiuti galleggianti accumulandoli in un’area specifica, dalla quale vengono successivamente raccolti.

Il Po e il Tevere – spiega Lorenzo Barone, direttore tecnico di Castalia – sono fiumi completamente diversi. Riguardo al Po abbiamo avuto problemi con i tronchi portati dalla corrente, che hanno sganciato le barriere“. Ad occuparsi del prelievo e dell’avvio a riciclo della plastica recuperabile sarà Corepla, il consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi di plastica.

Inquinamento, l’ondata di bottiglie di plastica in Sudafrica VIDEO

 “Ci sono caschi, scarpe, bottiglie, legni, le cose che vediamo raccolte da questo sistema raccontano quanto questo progetto sia importante perché interviene sui cattivi comportamenti dell’uomo – ha spiegato Nicola Zingarettigià il progetto con i pescherecci ha portato a raccogliere quindici tonnellate di plastica. L’80% del materiale plastico che arriva in mare proviene dai fiumi, se questo progetto funzionerà avremo messo una pietra miliare per la pulizia del Tevere“.

Si tratta di una rete in polietilene che trattiene i rifiuti, in particolare la plastica, disposta a Capo due Rami, vicino alla foce. Un sistema ideato per restare nel fiume a lungo, resistente a pioggia e corrente, senza interferire con l’ecosistema circostante.

Rifiuti plastici nell’oceano, una nuova tecnica per tracciarli dallo spazio

Il primo progetto di questo tipo partì nel 1988 sul fiume Sarno – ha spiegato Carmen Di Penta, Direttore Generale di Marevivo – fu un grande successo ma l’installazione durò un tempo troppo breve per vederne i risultati”.

Nel 1992 invece – ha aggiunto – riuscimmo ad installare, per alcuni giorni, delle panne per bloccare e raccogliere le tonnellate di detriti che navigavano nelle acque del fiume di Roma. Già allora sul fiume scorreva di tutto, dalla plastica ai frigoriferi e materassi. Ci auguriamo che questa barriera possa durare più a lungo per valutarne l’efficacia. Serve la collaborazione di tutti, in particolare dei cittadini che dovranno essere protagonisti evitando l’abbandono dei rifiuti lungo gli argini del fiume“.

Plastica, arriva il sistema StormX per salvare l’acqua dall’inquinamento

Il fiume salva il mare, è questo il messaggio – ha concluso Carmen Di Penta – che Marevivo lanciò, ad aprile 2018, in occasione dell’incontro organizzato alla sua sede galleggiante sul Tevere per chiedere l’installazione della barriera. Oggi finalmente il progetto è partito e la Regione Lazio ha investito per liberare dalla plastica il fiume della città di Roma, quello più conosciuto al mondo”.

 

(Visited 954 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago