AttualitàInquinamentoRifiuti

Rifiuti, almeno 14 milioni di tonnellate di pezzi di plastica sul fondo dell’oceano

Condividi

Secondo una stima basata su una nuova ricerca, almeno 14 milioni di tonnellate di pezzi di plastica di larghezza inferiore a 5 mm si trovano probabilmente sul fondo degli oceani del mondo.

L’analisi dei sedimenti oceanici fino a 3 km di profondità suggerisce che potrebbe esserci 30 volte più plastica sul fondo dell’oceano del mondo di quanta ne galleggia in superficie.

A dirlo è una ricerca dell’agenzia scientifica governativa australiana, CSIRO, che ha raccolto e analizzato i nuclei del fondo oceanico prelevati in sei siti remoti a circa 300 km dalla costa meridionale del paese nella Great Australian Bight. I ricercatori hanno esaminato 51 campioni e hanno scoperto che dopo aver escluso il peso dell’acqua, ogni grammo di sedimento conteneva una media di 1,26 pezzi di microplastica.

Plastica, attivista crea un applicatore di assorbenti gigante fatto tutto di rifiuti

Le microplastiche hanno un diametro di 5 mm o meno e sono per lo più il risultato di oggetti di plastica più grandi che si rompono in pezzi sempre più piccoli. Fermare la marea di plastica che penetra nei corsi d’acqua e negli oceani del mondo è emersa come una grande sfida internazionale.

La dott.ssa Denise Hardesty, principale ricercatrice del CSIRO e coautrice della ricerca pubblicata sulla rivista Frontiers in Marine Science, ha dichiarato al Guardian che la ricerca di microplastica in una posizione così remota e a tali profondità “indica l’ubiquità della plastica, non importa dove ti trovi nel mondo. Questo ci fa riflettere sul mondo in cui viviamo e sull’impatto delle nostre abitudini di consumo. Dobbiamo assicurarci che l’oceano non sia un grande bidone della spazzatura. Questa è un’ulteriore prova che dobbiamo fermare tutto questo alla fonte“.

Il terreno è stato sondato a marzo e aprile 2017 tra 288 km e 349 km dalla costa, a profondità comprese tra 1.655 metri e 3.016 metri. Hardesty ha detto che non era possibile sapere quanti anni avessero i pezzi di plastica o a che tipo di oggetto appartenessero una volta.  Ma la forma dei pezzi al microscopio suggerisce che una volta erano articoli di consumo. Per lo studio, i ricercatori hanno estrapolato la quantità di plastica trovata nei loro campioni principali e dalla ricerca di altre organizzazioni per concludere che fino a 14,4 milioni di tonnellate di microplastica si trovano ora sul fondo dell’oceano a livello globale.

Plastica, il Kenya potrebbe diventare una discarica per i rifiuti provenienti dagli Stati Uniti

Anche se questa può sembrare una cifra grande, Hardesty ha detto che in realtà è piccola rispetto alla quantità di plastica che probabilmente entra nell’oceano ogni anno. A settembre uno studio ha stimato che nel 2016 tra i 19 e i 23 milioni di tonnellate di plastica sono penetrate sia nei fiumi che nell’oceano. Uno studio precedente sulla rivista Science ha stimato che circa 8,5 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani ogni anno. E ancora un altro studio ha stimato che ci sono 250.000 tonnellate di plastica che galleggiano sulla superficie dell’oceano.

Nell’ultimo articolo, gli autori notano che la loro stima del peso delle microplastiche sul fondo dell’oceano è compreso tra 34 e 57 volte quello che potrebbe essere in superficie. Hardesty afferma che c’erano imperfezioni nelle stime ma che  si basavano sulle migliori informazioni disponibili: “È utile dare alle persone un senso della portata e della portata di cui stiamo parlando”..

La plastica più grande può intrappolare la fauna selvatica, mentre le microplastiche e pezzi ancora più piccoli potrebbero essere consumati da una serie di specie, dal plancton alle balene.

Rifiuti, creato un enzima che “mangia” le bottiglie di plastica

Questo studio è stato un contributo importante agli sforzi globali e si spera che i dati sulle profondità marine provenienti dall’Australia possano essere combinati con altri sforzi in tutto il mondo per studi futuri al fine di ottenere un quadro più accurato.

 

(Visited 47 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago