Attualità

RIFIUTI, INCONTRO RAGGI – COSTA: “SI VA AVANTI CON LA DIFFERENZIATA”

Condividi

Rifiuti. No a nuove discariche, ma usare gli impianti esistenti sul territorio nazionale in una logica di “interscambio”, mentre tutti insieme si accelera sulla raccolta differenziata e si moltiplicano gli stabilimenti dedicati.

È la proposta che la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha portato al Dicastero dell’Ambiente, per l’incontro a tema come il Ministro Sergio Costa.

“Oggi ho ricevuto con grande piacere la sindaca Virginia Raggi. E’ stato un incontro proficuo perchè mi ha aggiornato sulla situazione di Roma. La settimana prossima vedrò il presidente Zingaretti, e quella successiva riceverò entrambi insieme. A quella riunione sarà presente anche il prefetto – ha detto il ministro dell’Ambiente Sergio Costa al termine dell’incontro, spiegando che “è necessario camminare insieme e andare velocemente, ma non di fretta. In parallelo lavora il tavolo tecnico e mi sembra che le cose stiano funzionando, guardiamo con ottimismo e sono convinto troveremo il percorso migliore possibile”.

La proposta della prima cittadina fa seguito all’emergenza rifiuti che ormai ciclicamente la Capitale è chiamata a fronteggiare, in gran parte a causa della carenza di impianti sul territorio e di quella fragilità sistemica che Roma si trascina dietro dalla chiusura della mega discarica di Malagrotta a fine 2013.

“Siamo molto vicini” all’approvazione del bilancio Ama – ha risposto la sindaca di Roma Virginia Raggi a chi le chiedeva quando il Campidoglio avrebbe approvato il bilancio della municipalizzata dei rifiuti. Il ritardo nell’ok al bilancio Ama, dettato da verifiche in corso ha non soltanto provocato lo slittamento dell’approvazione del consolidato del Comune, ma ha anche messo in allarme i sindacati che hanno proclamato sciopero per il 22 ottobre.

Quanto all’ipotesi di nuove discariche, il Ministro Costa ha spiegato che il Dicastero sta puntando sulla differenziata che – dice – “è una logica che mi sta particolarmente a cuore. Perchè se fatta bene porta all’attivazione dell’economia circolare, la quale non e’ solo una parola astratta ma attraverso di essa girano dei soldi e dei posti di lavoro”.

(Visited 106 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago