Riciclo e RifiutiTerritorio

Rifiuti, camion alimentati dai biogas: rifiuti organici trasformati in carburante

Condividi

Da marzo 2020 i camion della spazzatura di Toronto saranno alimentati dai biogas prodotti dai rifiuti organici che raccolgono grazie ad un impianto che trasforma i rifiuti in carburante.

Toronto sta per diventare la prima città in Nord America a lanciare un’iniziativa del genere, resa possibile grazie al nuovissimo impianto Dufferin Solid Waste Management.

Rifiuti, rimosso dalle fogne di Londra un blocco di 40 tonnellate

A inizio Marzo 2020 i camion della spazzatura raccoglieranno i rifiuti organici e gli scarti dei cestini della città di Toronto e li porteranno negli impianti per essere processati. L’impianto, attraverso l’utilizzo userà poi dei di gestori anaerobici per catturare i biogas dei rifiuti e trasformali in gas naturali rinnovabili (RNG).

Una volta che gli scarti verranno consegnati agli impianti, i 170 camion potranno immediatamente riempire le proprie taniche di benzina con l’RNG prima di uscire e raccogliere altri rifiuti. Questo sistema è solo uno dei quattro sistemi di produzione di RNG che la città attuerà nei prossimi anni.

Rifiuti, dagli scarti alimentari al packaging 100% biodegradabile

Secondo i funzionari della città l’RNG è meno costoso e più ecologico di combustibili come il diesel. Una volta prodotto può essere usato per riempire i veicoli e fornire elettricità e riscaldamento a case e uffici. L’RNG creato dai rifiuti alimentari è attualmente considerato carbon-negativo perché le emissioni prodotte in questo modo sono minori di quelle che si producono nell’estrazione e nella combustione dei carbon fossili, in aggiunta a quelle prodotte inviando i rifiuti alle discariche.

45 tonnellate di rifiuti smaltiti illegalmente in Polonia: buona parte è plastica italiana VIDEO

Secondo i dati, il 10% delle emissioni della città di Toronto sono dovute alla spazzatura, in particolare quella prodotta dal cibo. Ora le stime suggeriscono che l’impianto produrrà circa 3.2 milioni di metri cubi di RNG per anno, evitando che circa 9,000 tonnellate di CO2 finiscano nell’atmosfera

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago