La Startup finlandese Rens ha prodotto i primi esemplari di una serie di scarpe da ginnastica super resistenti, create riciclando gli scarti di caffè e le bottigliette di plastica usate

Un paio di scarpe da ginnastica partendo dai fondi di caffè. Questo è il progetto di Rens, una startup finlandese.

Un progetto nato grazie a 5000 finanziatori che hanno fornito all’azienda oltre 500mila dollari per la produzione iniziale di questo nuovo modello di scarpe. Per ogni paio di Rens vengono riciclati i fondi di 21 caffè e 6 bottiglie di plastica.

Moda, cinture, borse, scarpe ricavate da pneumatici di bici: il progetto torinese “Cingomma”

I Ren sono disponibili in 9 diversi colori, sono impermeabili e super comodi. Inoltre, le scarpe assorbono gli odori e sono progettate per essere tolte e indossate facilmente.

Jesse Tran, il co-fondatore di Rens, voleva fare qualcosa per aiutare a ridurre l’impronta di carbonio delle persone, offrendo al contempo una scarpa per tutti i giorni che fosse funzionale e alla moda.

 


“Con l’aumento della consapevolezza ambientale, aumenta anche la conoscenza dell’economia circolare. Le scarpe fatte con fondi di caffè riciclati possono sembrare nuove per alcuni, ma crediamo fermamente che questo sia solo l’inizio di una rivoluzione nella tecnologia e nella produzione degli indumenti“, ha affermato Tran.

Dopo il boom della sneakers, Lidl lancia le scarpe sportive in plastica riciclata

I fondi di caffè sono combinati in un ambiente a bassa temperatura con plastica riciclata per creare un filo di caffè da girare nella parte superiore delle scarpe, mentre la plastica riciclata viene usata per gli altri component e una linfa lattiginosa che si biodegrada crea la suola esterna.

Riciclo, ecco Re-born, le scarpe realizzate usando vecchie vele

Grazie a questa startup solo con la produzione iniziale sono stati riciclate 250mila bottiglie di plastica e i fondi di oltre 750mila tazze di caffè.

 

Articolo precedenteLa rinascita di Notre Dame, dall’inferno alla ricostruzione
Articolo successivoGarante per gli animali a Roma, c’è il sì bipartisan del consiglio