Riciclo e Riuso

Riciclo, in Belgio fuse oltre 22mila armi in 60 tonnellate di acciaio

Condividi

Il Belgio ha recentemente fuso oltre 22.000 armi da fuoco in 60 tonnellate di acciaio riciclato.

.
Oltre 22mila armi da fuoco sono state fuse in Belgio, ricavandone circa 60 tonnellate di acciaio.

La metà delle armi da fuoco sono state raccolte da semplici cittadini. L’altra metà erano armi della polizia che non vengono più utilizzate.

Giornata mondiale del Riciclo, Cingolani: “Impegno fondamentale per gestione consapevole del nostro futuro”

Carina van Cauter, governatore delle Fiandre orientali, ha dichiarato in una dichiarazione: “Il risultato è impressionante: 22.457 armi da fuoco sono scomparse dalla nostra società … È ovviamente positivo per la sicurezza dei nostri cittadini che queste armi non siano più in uso”.

Questa è la terza volta che le forze di polizia belghe hanno lavorato con la ditta siderurgica ArcelorMittal per riciclare le armi da fuoco, con questa particolare operazione che richiede tre giorni per essere completata, secondo Reuters.

Moda, dal riciclo dei sacchetti di plastica nascono tessuti indossabili

L’acciaio è riciclabile all’infinito senza perdita di qualità. Per noi, l’acciaio è la pietra angolare per un’economia circolare sostenibile “, ha dichiarato a Het Nieuwsblad Karen Warnier di ArcelorMittal.

(Visited 52 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago