Resistenza, a Roma medaglia d’oro al valore militare

Roma. Ecco le motivazioni con cui la presidenza della Repubblica ha conferito ufficialmente a Roma la Medaglia d’oro al Valore Militare, dal 9 settembre 1943 al 4 giugno 1944. Oggi martedì 4 giugno la cerimonia in Campidoglio per i 75 anni della Liberazione di Roma dal nazifascismo. Raggi ha ricordato che “Roma ha ricevuto la medaglia d’oro al valore militare per la resistenza. Roma fu, è e sempre sarà antifascista”.

“La Città Eterna, già centro e anima delle speranze italiane nel breve e straordinario tempo della Seconda repubblica romana, per 271 giorni contrastò l’occupazione di un nemico sanguinario e oppressore con sofferenze durissime. Più volte Roma nella sua millenaria esistenza aveva subito l’oltraggio dell’invasore, ma mai come in quei giorni il suo popolo diede prova di unità, coraggio, determinazione. Nella strenua resistenza di civili e militari a Porta San Paolo, nei tragici rastrellamenti degli ebrei e del Quadraro, nel martirio delle Fosse Ardeatine e di Forte Bravetta, nelle temerarie azioni di guerriglia partigiana, nella stoica sopportazione delle più atroci torture nelle carceri di via Tasso e delle più indiscriminate esecuzioni, nelle gravissime distruzioni subite, i partigiani, i patrioti e la popolazione tutta riscattarono l’Italia della dittatura fascista e dall’occupazione nazista. Fiero esempio di eroismo per tutte le città e i borghi occupati, Roma diede inizio alla resistenza e alla guerra di Liberazione nazionale nella sua missione storia e politica di Capitale d’Italia”.

Ne abbiamo parlato nei nostri studi con lo storico e saggista Davide Conti, autore del libro “Guerriglia partigiana a Roma”.

(Visited 187 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!