RemTech Expo, economia circolare al centro dello sviluppo sostenibile

Torna Remtech Expo. A Ferrara dal 21 al 23 settembre una tre giorni di incontri e dibattiti su risanamento, rigenerazione, e sviluppo sostenibile.

Servizio video a cura di Manuela Murgia

Si è tenuta oggi a Roma, presso la sede del Consiglio Nazionale Geologi, la conferenza stampa lancio della XVI edizione di RemTech Expo, in programma come ogni anno a Ferrara Fiere, dal 21 al 23 Settembre.

Evento internazionale dedicato ai temi del risanamento, della rigenerazione e dello sviluppo sostenibile dei territori, “RemTech Expo” non è solo un momento di rappresentazione dello stato attuale e di condivisione delle prospettive future, è soprattutto una rete di esperti di livello globale ed un vero e proprio hub tecnologico ambientale, che opera in forma permanente, in cui il comparto pubblico ed il settore privato hanno modo di confrontarsi e dialogare in maniera costruttiva, concreta ed efficace.

Apriranno la RemTech Week, il 21 Settembre, gli “Stati Generali sulla Gestione e Sviluppo Sostenibile dei Territori. Dal Risanamento alla Rigenerazione. Il futuro del Pianeta Terra” e, a seguire, gli “Stati Generali delle Regioni per la Transizione Ecologica. L’organizzazione evoluta, la valorizzazione dei virtuosismi e la prossimità con i territori”, occasioni di confronto particolarmente vocate al confronto ampio e fattivo sui temi del presente e del futuro del Pianeta e dell’Uomo.

Francesco Violo, presidente Consiglio Nazionale dei Geologi a TeleAmbiente: “La geologia ha un forte legame con lo sviluppo sostenibile. Soprattutto quando si parla di nuove risorse, geo-risorse e risorse rinnovabili, tutto va ad impattare sul territorio, che è l’infrastruttura portante di tutte le altre“.

Laura D’aprile, Capo dipartimento per lo Sviluppo Sostenibile MITE: “Il nostro rapporto con il territorio deve essere armonico e mirato a uno sviluppo infrastrutturale. Dobbiamo quindi rivedere il nostro approccio con il territorio non in una visione totalmente conservativa ma in una visione dinamica che ci consenta di preservare le risorse naturali e al contempo di sviluppare la tecnologia che serve per le filiere dell’economia circolare“.

Previous articleElezioni, le richieste degli animalisti al prossimo Governo. Il video
Next articleSuperbonus, trovato l’accordo in Senato. Ecco cosa prevede il testo