Attualità

RemTech Expo 2021, esperti a confronto su rigenerazione e sviluppo sostenibile dei territori

Condividi

RemTech Expo 2021: 60 mila spettatori in modalità mista, 400 eventi con più di 350 imprese. Questo il resoconto della XV Edizione dell’appuntamento annuale più atteso sui temi del risanamento, rigenerazione e sviluppo sostenibile dei territori, tenutosi a Ferrara Fiere dal 20 al 24 Settembre.

È stato definito l’appuntamento annuale più atteso, quello più importante per molti tecnici del settore, ma quest’anno RemTech Expo è stato molto più.

Lo testimoniano le numerosissime e rilevantissime personalità intervenute in questi cinque giorni di conferenze.

Dal Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio che proprio ieri insieme al Commissario per la ricostruzione post sisma 2016 On. Giovanni Legnini e al capo dipartimento di Casa Italia Dott.ssa Elisa Grande, sono intervenuti per presentare le linee programmatiche della carta dell’ambiente Integrale.

La Spagna vieta frutta e verdura in confezioni di plastica: lo stop dal 2023

Così come la partecipazione della Sottosegretaria di Stato al Ministero della Transizione Ecologica On. Ilaria Fontana, del Commissario Unico di Governo per le bonifiche delle discariche abusive Gen. Giuseppe Vadalà, del Direttore di Ispra Alessandro Bratti, per poi chiudere gli Stati generali del risanamento e dello sviluppo sostenibile dei territori con il Comandante del CUFAA il Generale Antonio Marzo.

“Sui temi ambientali i giovani hanno sensibilità diverse rispetto agli adulti che hanno fatto danni in passato – ha detto il generale Antonio Marzo, comandante dell’unità Forestali, ambientali e agroalimentari (Cufaa) dei Carabinieri – il Cufaa in Italia opera con 7.000 uomini per la tutela territorio, del paesaggio, per evitare il dissesto idrogeologico, per intervenire sul taglio abusivo degli alberi e per custodire un bene prezioso come quello ambientale”.

“Le criticità – ha spiegato Marzo – sono quelle che conosciamo tutti: dal dissesto idrogeologico all’inquinamento, dal traffico illecito di rifiuti agli incendi e ai danni irreparabili che vengono provocati sul nostro territorio che sono difficilmente recuperabili perché lasciano delle ferite insanabili”.

Intervenuti, il Ministro Dario Franceschini, Ministro Patrizio Bianchi, On. Maria Elena Boschi, On. Riccardo Fraccaro, On. Stefano Vignaroli, Viceministro Alessandro Morelli, On. Chiara Braga, Vicepresidente del Parlamento Europeo, Fabio Massimo Castaldo, il Capo della Rappresentanza Italia del Parlamento Europeo Carlo Corazza, la Senatrice Alessandra Gallone, l’Assessore Regionale Vincenzo Colla e Serena Priolo.

Colombia, sequestrate quasi 3.500 pinne di squalo: erano pronte per essere vendute a Hong Kong

“Abbiamo superato ogni limite possibile ed immaginanile. Più di 60 mila spettatori in modalità blended, un risultato unico” – ha dichiarato Silvia Paparella General Manager RemTech Expo.

Canarie, l’eruzione del vulcano aumenta di intensità. Nuovi evacuati e voli cancellati

“RemTech non è più solo un momento di rappresentazione e di condivisione dello stato dell’arte e delle prospettive future – ha aggiunto Paparella – è soprattutto un network di esperti, nazionali ed internazionali, che opera in forma permanente ed in cui il comparto pubblico ed il settore privato hanno modo di confrontarsi e dialogare in maniera costruttiva ed efficace e di condividere impulsi ed ispirazioni, ma anche strategie e programmi da attivare nel prossimo futuro. Siamo davvero felici di aver dato un importante segnale, riconoscimento di un duro lavoro fatto con serietà e responsabilità”.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago