Animali

Regno Unito, nati dopo secoli i primi pulcini di cicogna bianca selvatica

Condividi

Il White Stork Project nel Regno Unito sta dando i primi risultati: il 6 maggio cinque uova di cicogna bianca selvatica si sono schiuse. Si tratta dei primi pulcini nati dopo secoli.

Nel Regno Unito sono nati i primi pulcini di cicogna bianca selvatica dopo centinaia di anni. I cinque pulcini si trovano a Knepp Estate nel West Sussex e fanno parte del programma d’allevamento White Stork Project.

 

Tartarughe caretta caretta, ecco il primo nido dell’anno in largo anticipo

Il White Stork Project è nato da una partnership tra privati e organizzazioni per la conservazione degli animali: lo scopo del progetto è quello di creare una popolazione di almeno 50 coppie di cicogne nel sud dell’Inghilterra entro il 2030.

 

Ambiente, dal 18 al 24 maggio la prima edizione della “Settimana della natura”

Lucy Groves, project officer del White Stork Project, ha spiegato: “Dopo aver aspettato 33 giorni affinché le uova si schiudessero, è stato emozionante vedere il primo uovo schiudersi il 6 maggio. I genitori hanno lavorato molto e fatto un lavoro fantastico, in particolare dopo il fallimento del primo tentativo”.

 

Animali, 200 capre fuggono da un recinto e invadono le strade di San Jose VIDEO

I nidi saranno ispezionati attentamente nei prossimi giorni per determinare quante delle cinque uova si siano schiuse correttamente. Isabella Tree, proprietaria di Knepp Estate, non vedeva l’ora di sentire il rumore delle uova quando si schiudono: “E’ come se un suono del medioevo fosse tornato in vita”.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago