Good News

Coronavirus, a 99 anni dona 27 milioni di sterline: il web chiede di nominarlo Cavaliere

Condividi

Thom Moore, veterano della Seconda guerra mondiale, ha raccolto oltre 27 milioni di sterline da donare al Sistema sanitario britannico e ora il web chiede di nominarlo “cavaliere”.

Sono passate ormai due settimane da quando il Capitano Tom Moore, di 99 anni, ha deciso di raccogliere 1,000 sterline tramite una raccolta fondi per donarle al Servizio sanitario britannico. Il veterano della Seconda guerra mondiale aveva promesso di completare cento giri del suo cortile di casa con l’aiuto del suo deambulatore entro il 30 aprile, il giorno in cui festeggerà 100 anni.

Mascherine, una nonna di 89 anni ne cuce 600 per le case di riposo della sua città

Moore ha lanciato la sua campagna il 6 aprile sperando di raccogliere le donazioni del suo villaggio di Marston Moretaine nel Bedfordshire. Il veterano ha completato la sua impresa il 16 aprile ma la raccolta fondi è diventata un successo ed ha superato la cifra record di 27 milioni di sterline, divenendo la raccolta fondi più grande lanciata da un singolo individuo nella storia del Regno Unito. I fondi saranno donati a NHS Charities Together grazie alla piattaforma di crowdfunding Just Giving.


Coronavirus, un foto di famiglia per guardare il “lato positivo” della quarantena

Moore è diventato famosissimo sul web e molte celebrità hanno elogiato il suo lavoro, tra cui i reali William e Kate. Negli ultimi giorni quasi 900,000 persone hanno firmato la petizione per chiedere di nominare Tom Moore “cavaliere“. Quando al veterano è stato chiesto cosa pensasse dell’iniziativa ha risposto: “Sir Thomas Moore suona bene, ma non contateci troppo”.

 

Coronavirus, un uomo acquista la benzina per gli infermieri impegnati in prima linea

Indipendentemente dalle esitazioni di Moore, un team di piloti di aerei sta pianificando un volo di Spitfire per celebrare il centesimo compleanno del veterano.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago