“Con L’Europa nel futuro”, la Regione Lazio presenta la programmazione 2021-2027

18
0

Regione Lazio. Presentata programmazione 2021-2027. Nicola Zingaretti: “Una ciclabile da Pescia Romana fino a Minturno E Nuove reti metropolitane da Roma fino ad Anzio e fino a Civitavecchia”.

L’inno di Mameli e quello europeo aprono l’evento: “Lazio presente. Con L’Europa nel futuro”. Una giornata di dibattiti con cui la Regione Lazio presenta la programmazione 2021-2027 cofinanziata dai fondi europei. Sostenibilità, innovazione e inclusività i pilastri del programma. Grandi prospettive di crescita per la città di Roma e per la sua città metropolitana.

Nel settore trasporti la Regione Lazio punta su rete metropolitana e percorsi ciclabili. Il presidente Nicola Zingaretti a TeleAmbiente: “Ci sono alcuni progetti molto concreti: Ciclomare, una ciclabile che dovremo fare con i comuni del territori, da Pescia Romana, a nord, e fino a Minturno, a sud. E gli investimenti sulle reti metropolitane per trasformare alcune arterie ferroviarie, come quella verso Anzio, a sud, e a nord verso Civitavecchia, in metropolitane. Questo aiuterà non sono chi ci vuole andare ma aiuterà l’economia del Lazio e quella nazionale perché ad esempio il porto di Civitavecchia collegato con la metropolitana rappresenterà una vera rivoluzione sulla fruizione turistica”.

Gualtieri a TeleAmbiente: “Bisogna cogliere quest’opportunità unica di un concentrato di risorse europee e nazionali senza precedenti che ci possono consentire di traghettare la capitale e il Lazio in un futuro più inclusivo, più sostenibile e più innovativo. Il Lazio ha lavorato molto bene spendendo in anticipo i soldi europei della scorsa programmazione e quindi questo ci consente anche di integrare la programmazione di fondi diversi in un modo organico e integrato. È un ottimo inizio, abbiamo la responsabilità di non deludere le aspettative di mettere a terra, bene, nei tempi previsti tutte queste risorse”.

Articolo precedenteViolenza sulle donne, le iniziative nel nome di Colasanti e Drabikova
Articolo successivoBiodiversità, Carlo Petrini: “Salvaguardia elemento molto sentito dai giovani”