MobilitàRomaVideo

Referendum Atac, Mingiardi: ” Il sì ha vinto, ora assemblea deve discuterne”

Condividi

“Abbiamo vinto con oltre 200mila voti, più di quelli che hanno portato la Raggi a diventare sindaco” ricorda Francesco Mingiardi, presidente dei Radicali di Roma. Intervista a cura di Alessandro Di Liegro.


Due anni fa il Referendum consultivo promosso dai Radicali di Roma per consentire al comune di bandire una gara per la concessione del servizio di trasporto pubblico Atac. Il sì vinse con percentuali schiaccianti, ma senza raggiungere un quorum, peraltro, nemmeno richiesto. “Abbiamo vinto con oltre 200mila voti, più di quelli che hanno portato la Raggi a diventare sindaco” ricorda Francesco Mingiardi è il presidente dei Radicali di Roma ed è anche l’avvocato che ha seguito la vertenza alla corte amministrativa. La vittoria del sì non è mai stata ratificata, almeno fino a oggi e solo dopo due sentenze del Tar.

Roma trasporti, Masucci: “Metropolitane in crisi serve liquidità”

Ora chiediamo che l’Assemblea Capitolina si riunisca per discutere dei risultati del Referendum”, prosegue Mingiardi, che ha ricordato anche la campagna propagandistica dell’amministrazione sul tema: “Nessuno ha mai parlato di privatizzare il servizio, ma solo di metterlo a gara. Peggio di così è davvero possibile”?
Intanto per giovedì 25 febbraio è convocata l’Assemblea capitolina straordinaria che discuterà l’esito del referendum sulla messa a gara del servizio Atac, i cui risultati, favorevoli a entrambi i quesiti, sono stati proclamati ieri dal Campidoglio in ottemperanza della sentenza del Tar del Lazio.

Crisi di governo, Sanza: “Il centro è vitale per la nuova maggioranza”

(Visited 52 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago