recupero capsule caffe milano

Segue Roma, al secondo posto. Grandi progressi per Napoli e Palermo.

È Milano la città più virtuosa d’Italia, nel 2021, per il recupero di capsule di caffè esauste: nel capoluogo lombardo sono 220 tonnellate, +28% rispetto al 2020. È quanto emerge dai dati di Nespresso per il programma di economia circolare ‘Da Chicco a Chicco‘, che ha permesso, nel 2021, di recuperare oltre 1500 tonnellate di capsule, dando nuova vita all’alluminio e al caffè.

In generale, l’Italia si dimostra attenta all’ambiente e il programma ‘Da Chicco a Chicco’, come spiega Giuseppina Carnimeo, direttrice generale di Cial (partner Nespresso), “ha anticipato il tema del riciclo di capsule di caffè, ben prima che l’argomento diventasse di rilevanza legislativa“. Dopo Milano, al secondo posto c’è Roma (200 tonnellate, +25% rispetto al 2020). E sono importanti i progressi di Napoli e Palermo (rispettivamente, sei tonnellate per un +324% e quattro tonnellate per un +139%).

L’impegno per l’ambiente e l’attenzione a un business responsabile ci ha permesso di ottenere la certificazione B Corp e di trasformarci in Italia in Società Benefit“, spiega Silvia Totaro, Sustainability & Safety Health Environmental Manager di Nespresso Italia.

C’è poi un’altra iniziativa di Nespresso, attiva per tutta l’estate, chiamata ‘Compost in Boutique‘. Chi riconsegnerà le capsule esauste nelle oltre 60 boutique d’Italia in cui è attivo il servizio, riceverà in dono un sacchetto di compost da 1 kg nato dal caffè esausto e simbolo del programma ‘Da Chicco a Chicco’.

Quello delle capsule di caffè è un tema molto delicato sul fronte dell’impatto ambientale. Recuperare alluminio, plastica e fondi di caffè non è molto semplice, ma con il tempo anche le aziende, più o meno grandi, hanno deciso di scegliere la strada della sostenibilità. Come richiesto anche dalla sensibilità dei cittadini, che ha portato anche al lancio di progetti di recupero delle capsule. Oppure, alla produzione di capsule compostabili. O, infine, come nel caso dell’azienda pugliese Quarta Caffè, alla realizzazione di capsule interamente vegetali.

Articolo precedenteGaribaldi è sparito: dove si trova il gallo della discordia?
Articolo successivoLa Sardegna continua a bruciare: 1.000 ettari di campagne in fumo solo a giugno