TG AmbienteVideo

Il mare entra nel Recovery Plan – Tg Ambiente

Condividi

In questa edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress:  1) Il mare entra nel Recovery Plan; 2) Bici elettriche per i carabinieri nei parchi nazionali; 3) La crisi climatica ha spostato l’asse terrestre; 4)  Airo, l’auto elettrica che aspira le emissioni degli altri veicoli.

 

In questa edizione del Tg Ambiente realizzato in collaborazione con Italpress:  

1) Il mare entra nel Recovery Plan: C’è anche un capitolo dedicato al mare nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza presentato dal Governo. Previsti interventi su larga scala per il ripristino e la protezione dei fondali e degli habitat marini nelle acque italiane. Interventi che hanno l’obiettivo di invertire la tendenza al degrado degli ecosistemi mediterranei potenziandone la resilienza ai cambiamenti climatici. Viene favorita inoltre la sostenibilità di attività fondamentali come pesca e turismo.

 

2) Bici elettriche per i carabinieri nei parchi nazionali: Un cuore agli ioni di litio da 634 Wh tutto Made in Italy alimentare il motore elettrico delle nuove E-Bike in dotazione all’Arma dei Carabinieri. Le prime 60 trekking bike a pedalata assistita, sono già state distribuite ai 20 reparti che operano nei parchi nazionali per la tutela della biodiversità e del territorio. La fornitura completa, finanziata dal Ministero della Transizione Ecologica, prevede complessivamente 120 mezzi che si aggiungeranno alle mountain bike tradizionali già in uso ai citati reparti. L’Arma dei Carabinieri ha scelto di puntare sulla mobilità elettrica con le trekking E-Bike adatte a percorrere i sentieri accidentati che si sviluppano all’interno delle aree protette, consentendo così ai militari di ridurre i tempi di percorrenza a piedi. Questi mezzi rappresentano una valida alternativa assai meno costosa all’uso delle pattuglie a cavallo. I nuovi mezzi green potranno anche contribuire a diffondere la cultura sostenibile della bicicletta.

Clima, lo studio choc: “La crisi ha spostato l’asse terrestre”

3) La crisi climatica ha spostato l’asse terrestre:  La crisi climatica sta avendo effetti devastanti su tutto il pianeta. Non ci sono solo le conseguenze a livello ambientale ma, secondo uno studio condotto da ricercatori cinesi e danesi, la crisi del clima avrebbe addirittura causato lo spostamento dell’asse terrestre. Come sappiamo, i poli geografici (Nord e Sud) sono i punti in cui l’asse di rotazione interseca la superficie della Terra, ma non sono fissi. Secondo il nuovo studio, pubblicato su Geophysical Research Letters, dagli anni ’90 in poi, con il riscaldamento globale, centinaia di miliardi di tonnellate di ghiaccio si sono sciolti, causando uno spostamento dei poli e dell’asse terrestre già a partire dal 1995. Inoltre, la velocità di spostamento, nel periodo compreso tra il 1995 e il 2020 è aumentata di 17 volte con il risultato che, dal 1980 a oggi, la posizione dei poli si è spostata di circa quattro metri.  Secondo il team di ricercatori, la responsabilità del drastico spostamento dei poli è dello scioglimento dei ghiacci e dell’aumento del volume delle acque sotterranee, che con l’attività umana finiscono per fluire nei corsi d’acqua fino al mare.

Airo, l’auto elettrica che aspira l’inquinamento prodotto dagli altri veicoli

4)  Airo, l’auto elettrica che aspira le emissioni degli altri veicoli: Un’auto elettrica decisamente fantascientifica. Si chiama Airo e non solo non inquina, ma grazie ad un particolare filtro, Hepa, aspira anche le emissioni inquinanti prodotte dai veicoli tradizionali, purificandole, per rimetterle in circolo. Progettata dall’azienda britannica Heatherwick Studio per conto della casa automobilistica cinese IM Motors, Airo è un’auto elettrica dal design fortemente innovativo. Il suo design morbido e sinuoso si abbina perfettamente alla colonnina di ricarica che ricorda una pianta acquatica. Restano però tanti dubbi sulla sua realizzazione pratica. La prima è la data di uscita, indicata nel 2023 e considerata troppo ottimistica. La seconda è invece la mancanza di informazioni sul reale consumo energetico (il risparmio di elettroni è un dato essenziale sull’efficacia e la sostenibilità di auto elettriche). Oltre alle novità in tema di impatto ambientale, Airo presenta aspetti futuristici anche al suo interno con ampi spazi e optional come postazione tv, sedili ribaltabili, un tavolinetto a scomparsa e finestrini e parabrezza che possono essere oscurati a piacimento.

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago