AttualitàVideo

Recovery Plan, De Santoli: “Deludente, carente di visione a lungo termine”

Condividi

“Non c’è un progetto specifico sulle rinnovabili, mancano riferimenti al Ciclo dei rifiuti. Questo piano è assolutamente carente di visione a lungo termine”. Intervista esclusiva al professor Livio De Santoli.  A cura di Alessandro Di Liegro.

Livio De Santoli è professore di Fisica Tecnica all’Università Sapienza di Roma, di recente nominato Prorettore con delega alla Sostenibilità: “Un passo in avanti rispetto al mio precedente mandato in cui avevo la delega alle Politiche Energetiche. La Sostenibilità è un qualcosa di organica che prende tutto lo spettro degli interessi umani”.

Recovery Fund, la nuova bozza: cosa è previsto per la “Rivoluzione verde e transizione ecologica”?

Critico rispetto ai progetti presentati all’interno del documento del Recovery Plan, attraverso il quale il Governo dovrebbe ricevere oltre 200 miliardi di euro dall’Europa: “Di sicuro ci saranno degli aggiustamenti, ma attualmente è un piano che manca di visione. Ci sono sì alcuni spunti buoni, ma complessivamente è un piano lacunoso e che non prende in considerazione le reali esigenze dei cittadini. Ha senso mettere tutti quei soldi sulla TAV”?

Recovery plan e transizione ecologica, come cambierà il nostro Paese? Intervista a Stefano Ciafani

Infine, una piccola nota su Roma: “Per governare questa città c’è bisogno di un coraggio leonino. Bisogna prendere scelte impopolari che hanno un impatto sul consenso a breve termine. A oggi è una città peggiore di 5 anni fa, che era una città peggiore dei 5 anni ancora precedenti”.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago