Ambiente e tecnologia, è italiana la bottiglia intelligente che salva l’ambiente

172
0

Una start up italiana ha creato una borraccia in alluminio che monitora l’assunzione d’acqua, traccia il risparmio di plastica e finanzia progetti per la raccolta di rifiuti. 

Si chiama REBO e a guardarla sembra una borraccia riutilizzabile come tante. Ma quella fondata da Pierandrea Quarta, Francesco Abbate, Eduardo Atamoros e Fabio Mancini è una borraccia molto particolare.

Grazie all’utilizzo di una app IoS/Android B2C, REBO riesce a monitorare l’assunzione di acqua di chi la usa così da fornire un piano di idratazione personalizzato attraverso il recupero dei dati biometrici.

Ma oltre ad aiutare le persone che la usano a salvaguardare la propria salute, REBO si impegna anche per la salvaguardia dell’ambiente. Non solo perché è riutilizzabile e quindi il suo uso porta a un abbattimento della plastica. La bottiglia intelligente è collegata a un sistema blockchain per registrare e certificare il risparmio di plastica associato al suo utilizzo.

Inoltre, l’azienda ha deciso di finanziare la raccolta di una bottiglia di plastica dall’ambiente per ogni bottiglia di REBO venduta.

“REBO usa la tecnologia per generare un impatto positivo sul pianeta, aiutando a risolvere il problema dei rifiuti di plastica. L’investimento di Azimut Digitech e le conoscenze tecniche di Gellify ci permetteranno di potenziare il lato tecnologico di REBO, e di conseguenza il suo impatto positivo”, ha dichiarato Pierandrea Quarta, Amministratore delegato di REBO.

Spagna, il riconoscimento degli animali come “esseri senzienti” non ferma la corrida

Articolo precedenteSpagna, il riconoscimento degli animali come “esseri senzienti” non ferma la corrida
Articolo successivoUno yacht di lusso per salvare il mare dalla pesca intensiva