Attualità

RE BOAT RACE ROMA, LA PRIMA REGATA “RICICLATA” IN ITALIA

Condividi

Torna al Parco centrale del lago dell’Eur Roma la prima regata in Italia di imbarcazioni costruite con materiali di riciclo che prevede una serie di attività che hanno spostato la filosofia della sostenibilità, attraverso lo sport, l’arte e la cultura.

Dal 14 al 17 settembre laboratori creativi, attività sportive e la domenica la regata riciclata “Re Boat Roma Race“.

Giunta alla sua VIII Edizione la RE BOAT ROMA RACE, consiste nella realizzazione con materiale di recupero, riuso e riciclo, e la progettazione e costruzione di imbarcazioni da parte dei Green Team composti soprattutto da Famiglie, Associazioni del terzo settore, Centri sportivi / estivi, Case Famiglia e gruppi di amici. Le imbarcazioni riciclate andranno poi a sfidarsi in una regata assolutamente innovativa presso il Parco Centrale del Lago dell’Eur.

Nello specifico la RE BOAT ROMA RACE si rivolge dunque a tutti coloro che vogliono sperimentare e operare sul campo, le proprie capacità tecnico/creative progettando, realizzando e ponendo in opera un’imbarcazione con sistema di propulsione definibile come “ecologico” o per meglio dire a “impatto zero”, costruita per il 90% con materiale di recupero, riuso e riciclo.

Progettazione, scelta degli oggetti di recupero per la costruzione dell’imbarcazione e loro assemblamento, design originale, prova di galleggiamento e propulsione, coesione e coinvolgimento del singolo Green Team sono i criteri con cui una “giuria qualificata” andrà a giudicare l’operato dei Green Team partecipanti. D’altronde, capacità di problem solving, creatività, forte intesa e grande unione tra l’equipaggio; comunicazione, collaborazione, clima di fiducia e rispetto tra i compagni di squadra, sono le doti vincenti che fanno grandi i migliori “GREEN TEAM”.

Per maggiori informazioni: https://www.regatariciclata.it/

TeleAmbiente media partner dell’evento.

(Visited 225 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago