Attualità

RAPPORTO 2017 “ECOMEDIA”, SOLO 11% DELLE NOTIZIE TG ITALIANI È GREEN

Condividi

Roma. Il 19 dicembre a Roma presso la Sala Stampa Estera è stato presentato il Rapporto 2017 “Ambiente e Sviluppo Sostenibile nei Media”, in occasione del 4° Forum nazionale “Ambiente e Sviluppo Sostenibile tra informazione, economia e politica”.

All’interno del Rapporto, i risultati ottenuti dal Pentapolis Onlus, in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia, sulla copertura delle notizie su ambiente e sviluppo sostenibile da parte dei principali media italiani. E’ la stessa Pentapolis Onlus a promuovere ogni anno questo evento, che pone l’attenzione sulla necessità di una corretta informazione di settore, principale mezzo coinvolgere l’opinione pubblica e renderla più consapevole.

“OSA – Osservatorio su sviluppo sostenibile e ambiente nei media (“naturale” evoluzione di Eco-Media, istituito nel 2014) – ha spiegato il presidente Massimiliano Pontillo – vuole stimolare coloro che governano il settore dei media, ossia i grandi editori, in modo che questi temi non continuino ad essere relegati alle emergenze e ai disastri naturali ma abbiano uno spazio costante e siano più connessi con le questioni economiche. Si produrrebbe così un circolo emulativo virtuoso a tutti i livelli e un’attenzione maggiore del decisore pubblico

In occasione del Forum, è stato consegnato Premio “Giornalisti per la Sostenibilità” ai professionisti che ogni giorno si impegnano a rendere il proprio lavoro uno strumento di informazione preciso e puntuale.

(Visited 83 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago