Italpress

Raggiunto in Cdm l’accordo sulla riforma della giustizia

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – E’ stato raggiunto in Consiglio dei ministri l’accordo tra i partiti della maggioranza sulla sulla riforma della Giustizia predisposta dalla ministra Cartabia. Dopo unlunga trattativa, sono state superate dunque le perplessità del M5s circa l’improcedibilità sul reato di aggravante mafiosa nel proesso penale. La riforma, ha commentato il segretario PD Enrico Letta, “ci avvicina all’Europa e fa compiere grandi avanzamenti in termini di modernità ed efficacia”. “Cartabia ha trovato il giusto equilibrio per superare la riforma precedente senza scadere nell’impunità. Ci siamo spesi per l’accordo. Ne siamo contenti”, ha aggiunto Franceschini. “La riforma del processo penale approvata oggi in Cdm nonostante le minacce dei grillini è un primo passo, le firme per i Referendum di Lega e Partito Radicale diventano ancora più importanti, garanzia che il Parlamento non perderà altro tempo. Anche questo weekend più di 1.000 gazebo in tutta Italia”, ha commentato il leader della Lega Matteo Salvini. “Il caro estinto è la riforma Bonafede che da stasera non c’è più. Non si può essere più imputati a vita. La riforma è una piccola parte, c’è ancora un lavoro lunghissimo da fare, ma ora abbiamo archiviato la Bonafede”, ha detto il leader di Italia Viva Matteo Renzi.
(ITALPRESS).

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago