Attualità

Qualità dell’aria, progetto Patos per delineare il Pm10 in Toscana

Condividi

Qualità dell’aria. Approvato lo schema di accordo tra Regione Toscana e Università di Firenze per una collaborazione scientifica e la prosecuzione del progetto regionale Patos (Particolato atmosferico in Toscana), finalizzato alla caratterizzazione chimica del Pm10 in Toscana e alla identificazione delle principali fonti di inquinamento.

Smog, livelli Pm10 superiori ai limiti in 17 città italiane. Classifica “Mal’aria” Legambiente

Nei giorni scorsi, spiega una nota, l’Università di Firenze e Arpat hanno dato inizio alla terza fase installando presso la stazione di rilevamento di Lu-Capannori (Lucca) che rappresenta l’area di maggiore criticità per il Pm10 in Toscana, un analizzatore per la caratterizzazione chimica e per l’applicazione della metodologia statistica che sarà utile all’identificazione delle principali sorgenti di emissione di inquinanti.

Un analogo strumento sarà installato presso la stazione di rilevamento di Fi-Figline (Firenze).

Smog, livelli di polveri sottili in calo ma gli obiettivi europei sono lontani

Smog, l’inquinamento uccide più del tabacco: 8,8 milioni di vittime l’anno

Quattro le linee di ricerca:

  • Linea 1 – Misure del particolato fine PM10 con la caratterizzazione chimic-fidica e l’applicazione della statistica per identificare le principali sorgenti di emissione presso la stazione di rilevamento di qualità dell’aria LU-Capannori che rappresenta l’area di maggiore criticità per il PM10 in Toscana. La ricerca ne aggiorna una analoga effettuata nel 2006 nella prima edizione di PATOS.ù
  • Linea 2 – Utilizzo della metodologia statistica PMF (Positive Matrix Factorization) per identificazione delle principali sorgenti di emissione sulla campagna di misura sul sito Osmannoro effettuata dal Dipartimento Chimica dell’Università di Firenze.
  • Linea 3 – Misure del particolato fine PM10 con caratterizzazione chimico-fisica e applicazione della statistica per identificazione delle principali sorgenti di emissione presso la stazione di rilevamento di qualità dell’aria FI-Figline, area critica per la qualità dell’aria ma nella quale nelle precedenti edizioni del progetto PATOS non sono mai stati svolti studi di approfonditi sulle principali cause dell’inquinamento.
  • Linea 4 – Valutazione della componente di spray marino sulle misure di PM10 presso la stazione di rilevamento di qualità dell’aria LU-Viareggio, che vuole quantificare il contributo naturale del sale marino ai superamenti del valore limite giornaliero di PM10 anche per poterlo scontare dai livelli di concentrazione registrati dalla stazione stessa.
(Visited 55 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago