Territorio

Puglia, scoperta l’unica barriera corallina nel Mediterraneo

Condividi

Puglia . Al largo di Monopoli l’eccezionale scoperta dei ricercatori del dipartimento di Biologia dell’Università di Bari: una barriera corallina proprio come quelle che popolano i fondali delle Maldive o di Sharm el Sheikh, nel Mar Rosso. E’ l’unica nel Mar Mediterraneo.

“È la prima volta che nel Mediterraneo scopre una barriera così, con caratteristiche molto simili a quelle di memoria equatoriale”, ha spiegato il direttore del dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, Giuseppe Corriero.  Si tratta di una barriera corallina al largo di Monopoli, in cui i sub si sono imbattuti fra i 40 e i 55 metri di profondità, a circa due chilometri dalla costa del comune a sud di Bari.

Australia, grande barriera corallina. Ecco come sta rinascendo

Biodiversità in calo, il futuro del cibo e dell’ambiente è in pericolo

L’ipotesi degli studiosi è che il fronte della barriera possa estendersi anche ben oltre, anche se non in modo uniform,  in direzione del capoluogo pugliese, da un lato, e fino a Otranto, dall’altro.

“L’aspetto paradossale è che ce l’avevamo davanti agli occhi e non l’abbiamo mai vista” – racconta Corriero – “Nel caso delle barriere delle Maldive o australiane i processi di simbiosi tra le madrepore (animali marini che costituiscono i banchi corallini) sono facilitati dalla luce, mentre la nostra barriera vive in penombra e quindi le madrepore costituiscono queste strutture imponenti di carbonato di calcio in assenza di alghe”.

Clima, team ricercatori sardi testa resistenza Posidonia e Coralli

Le caratteristiche che rendono unica la barriera corallina pugliese sono  la profondità di circa 50 metri, e l’habitat e i suoi colori.

Barriere anti-plastica per ripulire i fiumi. L’idea è di una start-up italiana

In difesa di questo straordinario tesoro, gli stessi ricercatori avrebbero già allertato informalmente  l’Ufficio parchi e tutela della biodiversità della Regione.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago