Ecco Andrea, la tartaruga di Teleambiente liberata a Manfredonia

Questa tartaruga Caretta Caretta, nuova amica di Teleambiente, è tornata nel pianeta Blu dopo un periodo di degenza al “Centro di Recupero Tartarughe Marine” di Manfredonia.

L’abbiamo chiamata Andrea la tartaruga Caretta Caretta liberata al largo del porto di Manfredonia, in provincia di Foggia, in Puglia, dopo un periodo di ricovero al “Centro di Recupero Tartarughe Marine” (CRTM) di Legambiente. A riprendere il momento in cui la nuova amica di Teleambiente è tornata a casa, negli abissi del pianeta Blu, sono state, in diretta, le nostre telecamere.

L’avevano recuperata i pescatori che collaborano con noi dopo averla catturata accidentalmente in una rete da strascico nel Golfo di Manfredonia. Per Legambiente è fondamentale la sintonia con loro, perché la pesca a strascico è uno dei fattori di interazione più importanti tra attività antropiche e la presenza delle tartarughe marine nel mar Mediterraneo. Ogni anno avvengono tra le 130mila e le 200mila catture ed è chiaro che il coinvolgimento dei pescatori professionisti è necessario per una struttura come la nostra“, ha dichiarato a Teleambiente Giovanni Furii, Responsabile scientifico del “Centro di Recupero Tartarughe Marine” di Legambiente.

Che poi ha concluso: “Andrea ha fatto un periodo in vasca, così da permetterci di valutare le sue condizioni di salute, e adesso può tornare in mare aperto“.

Ma che cosa dobbiamo fare se notiamo un nido di tartarughe Caretta Caretta non segnalato? E se vediamo alcuni piccoli rettili in difficoltà? I cambiamenti climatici stanno impattando anche sulla riproduzione di questi straordinari animali marini? Tutte le risposte nello “Speciale Teleambiente” con l’intervento dello stesso Giovanni Furii.

Articolo precedenteUmbria, parte il concorso “L’Umbria del Vino 2023”
Articolo successivoCesare Cremonini, il suo show immersivo è partito da Roma