Attualità

Pseudorca neonata trovata morta nel mar Tirreno

Condividi

Spiaggiato e trovato morto un esemplare di Pseudorca neonato, a Belvedere Marittimo, sul litorale tirrenico di Cosenza. Intervenuta la Rete regionale spiaggiamento. Causa del decesso: possibile natura virale, non antropica. Ma si indagherà.

Un’esemplare Pseudorca crassidens neonato, appartenente alla famiglia dei delfinidi, è stato trovato morto, spiaggiato a Belvedere Marittimo, sul Tirreno, in provincia di Cosenza. Sul posto sono intervenuti Giorgio Kruklidis del Servizio veterinario Area C di Cetraro e Stefania Giglio dell’associazione Mare Calabria, afferenti alla Rete Regionale Spiaggiamento della Regione Calabria.

Plastica, scoperta isola di rifiuti anche in Italia nel Mar Tirreno

Delfini mutilati a causa dei pescherecci. Attivisti Sea Sheperd: “Fino a 10000 morti all’anno”

L’associazione Mare Calabria si occupa della tutela dei cetacei, degli squali e delle tartarughe marine, soccorrendo e recuperando gli animali rinvenuti in difficoltà ed è parte attiva della Rete Regionale d’intervento per lo studio e il recupero degli animali spiaggiati. Al verificarsi di casi di spiaggiamento di cetacei, squali o tartarughe marine, la Capitaneria di Porto provvede infatti a contattare l’Associazione, per il recupero e il soccorso dell’animale.

Tartaruga Caretta caretta ritrovata morta, la bocca strabordante di plastica

Meduse spiaggiate, scatta l’allarme. Cosa sta succedendo? VIDEO

L’animale è stato consegnato dal servizio veterinario e trasportato al Museo della Pesca e del Mare di Montepaone (Catanzaro).La morte, è stato riferito, è presumibilmente di origine virale legata alla specie e non riferibile ad alcuna attività antropica legata alla pesca o di altra natura. La rete Nazionale di Istituti Zooprofilattici effettuerà debite indagini necroscopiche per risalire alle cause di morte al fine di tutelare la specie.

(Visited 154 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago