Breaking News

PRODOTTO DI MONTAGNA, IL NUOVO MARCHIO PER AIUTARE A SCEGLIERE PRODUZIONI MADE IN ITALY

Condividi

Prodotto di Montagna. Presto sulle nostre tavole, il nuovo marchio “Prodotto di Montagna”.

Il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio, ha firmato il Decreto per l’uso del marchio che si pone l’obiettivo di aiutare i consumatori a riconoscere più facilmente le produzioni che presentano materie prime che provengono da zone montane o che vengono trasformate in montagna.

“Tutelare i prodotti di montagna – ha detto il Ministro Centinaio – vuol dire premiare il lavoro di migliaia di piccole e medie imprese che contribuiscono a tenere viva l’economia del nostro Paese. Questo vuol dire anche riconoscere il valore sociale, ambientale e turistico di queste aree. Con questo marchio, inoltre, sempre nell’ottica della maggiore trasparenza e tracciabilità, sarà più facile per i consumatori riconoscere e scegliere queste produzioni Made in Italy“.

Il logo, realizzato dal Mipaaft, è verde con verde con una montagna stilizzata e potrà essere utilizzato sui prodotti previsti dal regime di qualità omonimo.

L’indicazione facoltativa di qualità “Prodotto di montagna” invece, è riservata alle materie prime che provengono essenzialmente dalle zone montane e agli alimenti trasformati, nel caso in cui la trasformazione, la stagionatura e la maturazione hanno luogo in montagna.

Il Made in Italy agroalimentare è una grande risorsa per il Paese.

Secondo i dati della Fondazione Montagne Italia infatti, il valore dell’agricoltura montana in Italia è di 9,1 miliardi di euro di cui 6,7 miliardi negli Appennini e 2,4 miliardi nelle Alpi.

Gli occupati nel settore, tra il 2011 e il 2016 nelle province alpine sono aumentati del 10%.

“Dati che confermano quanto il comparto, con le sue filiere sia importante – commenta Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem – con le Associazioni di categoria, grazie al lavoro che il Ministro Centinaio e tutto il Mipaaft stanno facendo, vogliamo valorizzare e far crescere le imprese e alimentare una nuova consapevolezza culturale nel consumatore. Grazie al marchio, i cittadini potranno riconoscere più facilmente dalle etichette le produzioni e supportare queste attività e il loro valore non solo economico, ma sociale e ambientale. Non a caso nei giorni scorsi come Uncem abbiamo lanciato il programma ‘Compra in valle, la Montagna vivrà’ per invitare a scegliere botteghe e imprese agricole e artigianali delle Alpi e degli Appennini”.

(Visited 120 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago