AttualitàPolitica

Il principe William: “La priorità deve essere salvare la Terra, non pensare al turismo spaziale”

Condividi

L’appello del duca di Cambridge: “Gli imprenditori dovrebbero concentrarsi a salvare la Terra, non a cercare altri pianeti e pensare al turismo spaziale”.

Dal principe William un appello ai massimi imprenditori del mondo: “Dovrebbero concentrarsi a salvare la Terra, non a cercare altri pianeti e pensare al turismo spaziale“. Un riferimento implicito a Elon Musk, Jeff Bezos e al connazionale Richard Branson, quello del duca di Cambridge, che ha rilasciato un’intervista alla BBC in occasione dell’Eartshot prize, il premio assegnato a cinque vincitori ogni anno le cui soluzioni aiutano l’ambiente.

 

Nell’intervista, che andrà in onda questa sera sulla BBC, il principe William ha affrontato il tema della corsa allo spazio così in voga tra i proprietari dei colossi mondiali. “I grandi cervelli dovrebbero cercare di riparare questo pianeta e non tentare di trovare il prossimo posto dove andare a vivere, nei giovani ho notato un aumento dell’ansia per la situazione climatica” – le parole del duca di Cambridge – “Penso che alla fine sia ciò che mi ha convinto: è davvero cruciale concentrarsi su questo pianeta piuttosto che arrendersi e andare nello spazio per cercare di pensare a soluzioni per il futuro“.

 

Il principe William ha poi aggiunto: “Non ho alcun interesse ad andare nello spazio, dovremmo porci delle domande sul costo del carbonio dei voli spaziali“. Il duca di Cambridge ha anche parlato del padre Carlo (“Quando ha lanciato l’allarme sul cambiamento climatico, si è trovato di fronte una strada molto difficile“) e del suo primogenito, George (“Sarebbe un disastro assoluto se, tra 30 anni, lui fosse seduto qui a parlare di come salvare la Terra“).

 

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago