AttualitàCulturaScienza e Tecnologia

Nobel per la Chimica a List e MacMillan, Lidia Armelao: “Hanno reso la scienza più green”

Condividi

Benjamin List e David MacMillan si aggiudicano il Premio Nobel per la Chimica. Tra i loro meriti, come spiega Lidia Armelao, c’è anche quello di aver reso il loro campo più ‘green’.

Benjamin List e David MacMillan sono i vincitori del Premio Nobel per la Chimica 2021. Tra i loro meriti, come spiega Lidia Armelao, c’è anche quello di aver reso la chimica più ‘green’. La direttrice del Dipartimento di Chimica e tecnologie dei materiali del Cnr ha illustrato i grandi progressi ottenuti dalla scienza per merito dei due nuovi premi Nobel.

 

Questo Premio Nobel va a una serie di ricerche che hanno aperto delle enormi possibilità all’intero settore della chimica rendendola anche molto più green. Grazie ai procedimenti messi a punto negli anni da List e MacMillan è stato infatti possibile produrre molecole enantiopure, ossia fare in modo di avere molecole con una sola delle due possibili forme chirali. Spesso infatti avere una miscela delle due forme le rende inutili se non addirittura dannose, è necessario invece avere una sola delle due forme per renderle attive“, spiega la direttrice del Cnr-Dsctm.

Giorgio Parisi, il premio Nobel per la Fisica alla pre-Cop26: “Sul clima la politica in ritardo e la situazione peggiora”

La professoressa Armelao ha poi aggiunto: “Il lavoro di List e MacMillan è stato netto e fondamentale e ha aperto in generale la possibilità, per la chimica, di essere più green nel senso che, di fatto, si riducono tutti gli sprechi e sono state semplificate le situazioni per guidare molte delle reazioni chimiche in campo industriale e farmacologico“.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago